Utente 120XXX
Buongiorno,

sono un ragazzo di 23 anni e nei limiti del possibile avrei bisogno di una spiegazione su un problema che mi porto dietro da circa un mesetto. Nella settimana dal primo al 7 ottobre ho avuto alcuni dolori addominali e diarrea, lunedì 8 ottobre ho praticato dell'autoerotismo e ho notato l'assenza del mio classico getto eiaculatorio, quindi un po' spaventato da questo episodio e per verificare se fosse un caso isolato o meno mi sono masturbato anche nei giorni 9, 10 e 11 pur non avendone troppa voglia, e usufruendo di una enorme quantità di materiale internet (un solo atto di autoerotismo al giorno "diluito" in qualche ora di navigazione online tra materiale hard). Ecco che venerdì 12 mi sono svegliato senza erezione spontanea, e sabato con la mia morosa non avevo alcun desiderio. Per qualche notte/mattina seguente le erezioni mancavano completamente, poi con il passare dei giorni le erezioni notturne e mattutine sono tornate, e con la mia ragazza basta qualche bacio e subito ho un'erezione come avveniva solitamente prima del problema (anche se effettivamente la sento un pochino più debole). Per quanto riguarda la masturbazione solitaria con l'ausilio di internet "lui" non ne vuole proprio sapere, mentre se mi faccio qualche fantasia erotica ho una giusta erezione. È possibile che abbia preso una "intossicazione da pornografia online"? Oppure è più probabile un problema a livello fisiologico? Il mio medico di base conoscendomi (sono un po' ipocondriaco) ha attribuito il mio problema all'ansia, ma sarei curioso di sentire la vostra opinione a riguardo.

Grazie per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
da come descrive gli eventi sembrerebbe un problema con notevole influenza psicologica-situazionale più che un problema organico.

Se il problema persiste è necessario comunque un supporto dell'andrologo.