Utente 276XXX
Mia madre ha 54 anni e, in previsione di un intervento di ernia sovraombelicale le hanno fatto un ecocardiogramma con doppler.

Il referto indica: ventricolo sn di dimensioni nei limiti, lieve ipertrofia delle pareti, valida funzione contrattile, F.E. 68%
sezioni dx e v.c.i. nella norma.
Al doppler minimo rigurgito mitralico, stenosi aortica severa (Grad medio 65 MMHG).

Ora... il medico che ha fatto il consulto per la chirurgia le ha detto che poteva morire nel sonno da un momento all'altro. Il secondo medico del reparto con cui poi io, preoccupata, sono andata a parlare, ha detto comunque che è urgente, che la valvola andrebbe sostituita e che era strano, per una donna della sua età, un problema del genere.

Vorrei chiedere:
1) Quanto detto dai medici sopra ha senso? Devo veramente preoccuparmi che mi muoia nel sonno?
2) L'operazione cosa comporta, soprattutto nel post-operatorio? Per quanto tempo avrà bisogno di assistenza continua?
3) Mia madre prende molte medicine. Il mio medico di famiglia è un pò ossessionato dalle medicine, anche come prevenzione. E' possibile che un abuso di farmaci vari abbia portato ad un sopraggiungere precoce di questo tipo di malattia? Magari questa è la volta buona che la convinco a smetterla?

Vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
Il rischio di morte improvvisa nei pazienti affetti da stenosi aortica severa e senza sintomi è circa 1% anno. Per questo motivo se il paz è asintomatico non ha indicazione chirurgica (in quanto il rischio operatorio supera l'1%). Se invece presenta i sintomi tipici della malattia (mancanza di fiato, angina, sincope) deve essere operato. L'intervento viene consigliato inoltre se in base ai dati eco c'è un rapido peggioramento della stenosi nel giro di pochi mesi. L'operazione consiste ovviamente nella sostituzione valvolare, eseguita in sternotomia. Il decorso è di circa 7/10 giorni e in genere non necessita di assistenza continua. Le medicine non causano stenosi aortica. Si rivolga comunque ad un cardiochirurgo per una visita ed un consulto.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Gentile dottor Bardi,

la ringrazio per la sua risposta così veloce.
In effetti, avendo ora controllato i sintomi, mia mamma è già diverso tempo che ha affanno e fiato corto. Ma ha avuto altri interventi per altre cose, è sovrappeso... nessuno pensava ad una stenosi aortica!

Ora cercheremo un cardiochirurgo bravo in zona, ma mia madre ha appena subito un intervento... Non so, non so cosa aspettarmi.