Utente 276XXX
salve...un anno fa sono stata messa a dura prova,emotivamente parlando...ho passato un periodo di forte stress,che in quel momento non avvertivo ma dopo qualche mese ho cominciato a stare male.avverto da 6mesi dei dolori alla bocca dello stomaco,al petto(sterno),sotto e sopra il seno sinistro e dietro la scapola.qualche volta mi prende anche il gomito.premetto che sono un tipo ansioso.il mio medico di base pensava fosse un po di gastrite(raramente mi viene un po di reflusso).ho preso per un paio di mesi il pantopan,sembrava andasse meglio...ma una notte mi sono sentita male.il cuore in gola,mi faceva male la spalla e il petto.sono and al ps e mi hanno fatto un elettrocardigramma dove risultava tutto ok la pressione era un po alta...la dott.ssa mi ha fatto un calmante e mi ha detto che poteva trattarsi di ernia iatale e che la mia ansia ingigantiva i dolori.dopo un paio di settimane ho fatto la gastroscopia....non risulta nulla.è tutto nella norma.ma i miei dolori al petto alla scapola e sotto al seno ci sono sempre,anche appena sveglia,non sono forti ma mi sento un peso da ormai 6mesi.due gg fa sn andata dal mio medico che mi ha visitata e mi ha detto che i battiti cardiaci sono regolari,la pressione 115 su 70...mi ha prescritto delle analisi per controllare il ferro la vitamina b e il fegato..mi ha detto di stare un po piu serena e che se qst dolore non passa mi manda dal cardiologo...ora io mi chiedo...non sto aspettando troppo per qst visita?e se i dolori fossero per qualcosa di grave?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
A me sembra che quello che lei descrive non ha rapporto con il cuore, ma con il suo stato ansioso....(tanto più che ha già effettuato un ECG durante i sintomi che descrive).
Io le consiglierei di rivolgersi all'area psicologia di MI, più che a un cardiologo...
Cordialità