Utente 631XXX
Gent.mi Dottori, in estrema sintesi: autodocumentandomi (con tutta l'approssimazione che ciò comporta)ero arrivato alla confortante conclusione che il combo test ig + ag p24 per l'HIV potesse essere avere una qualche significatività già a 26 giorni dall'infausto evento a rischio (non mi dilungo su questo, ma è stato veramente a rischio. fidatevi, non è una paranoia), così l'ho effettuato proprio con quella tempistica(venerdì scorso 28/3). ora, a parte che nella risposta sintetica del test non trovo traccia dell'ag, ma solamente ig tot hiv 1+2, la responsabile del laboratorio, oltre ai consigli protocollari di ripetere il test dopo almeno 2 mesi, mi ha detto che la ricerca dell'antigene p24 non è stata effettuata con metodologie specifiche e che di fatto si risolve, anch'essa, con una metodologia meia utilizzta per gli anticorpi. sono a chiedervi: la ricerca dell'antigene è stata fatta o no? (sotto la risp. sinteitca era specificato. test combo immunoenz. automatico. il metodo in uso consente anche l'individuazione dell'ag p24) e se è vero che compare in media dopo 16 gg, perchè questo test non può essere significativo.
ringrazio davvero. sto male

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Il combo è un ottimo test ma il test definitivo è comunque quello a 100 giorni. A 26 giorni l'affidabilità è bassa. La maggior parte delle sieroconversioni si ha tra quattro e otto settimane.