Utente 276XXX
Gentili medici, ho un quesito che internet non mi ha aiutato a risolvere, anzi mi ha fatto notare che c'è davvero molta confusione a questo proposito (almeno sul web), per cui spero che questa domanda aiuterà a fare chiarezza a chi in futuro avrà i miei stessi dubbi, potendo trovare una risposta da persone competenti, cosa che garantisce la serietà e il valore della risposta. Vorrei capire se è ammesso a donare sangue chi fa uso di cannabis. Ho notato che non può donare chi è alcolizzato, ma non chi beve alcol moderatamente, per cui, facendo un parallelo, non mi riferisco a chi fuma cannabis quotidianamente ed in grandi dosi, ma a chi ne fa uso sporadico e moderato.
E' escluso come donatore a prescindere?
E' a discrezione del medico che effettua la visita valutare caso per caso?
Deve intercorrere un certo lasso di tempo tra l'ultima volta che si ha fumato e la donazione?
Altro ancora?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro
52% attività
20% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Le legge controindica la donazione per chi fa uso di droghe (anche leggere).

Va detto che il donatore deve fornire le opportune garanzie sul suo stato di salute in quanto assume anche la responsabilità sulla salute del ricevente.

In linea di massima un uso occasionale di cannabis non controindicherebbe la donazione,
ma deve farlo presente al medico del centro trasfusionale in quanto vi sono pareri contrastanti circa il tempo di sospensione assoluta tra la sua assunzione ultima ed il momento della donazione.

Saluti