Utente 276XXX
Sono in cura psichiatrica da diversi anni per diagnosi di tipo borderline con picchi pscosi
inoltre mi e'stato anche riscontrato dap di cui ne soffro da qualche anno,ultimamente assumevo solian 50 mg la sera e al mattino lamictal da 100/200 mg e citalopram
era qualche mese che andavo avanti cosi e stavo abbastanza bene,ma la settimana scorsa mi e'successo che assumendo regolarmente il lamictal come sempre mi sono sentita male,facevo fatica a respirare,mi sentivo soffocare,tachicardia,ho capito che era una crisi di panico,allora ho pensato che il mio fisico non sopportasse il lamictal quindi ho vomitato tutto,dopo sono stata meglio,ma il problema e'stato che questo problema si e'verificato anche con citalopram e solian,di solito il mio fisico li sopportava,ultimamente hp tocontattato il mio psichiatra che mi ha consigliato di ricominciare il depakin che prendevo un paio d anni fa,lo prendo da 3 giorni,ne ho preso sui 200 mg la mattina e non avverto panico,ma all improvviso verso il pomeriggio ho avuto altre due crisi,richiamando oggi il dottore mi dice di prendere sui 300/350 mg al di con il tavor e ontegrare un po di abilify la sera da 7mg,e'possibile che i farmaci all improvviso facciano star male anche se li assumevo da quasi un anno?
[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività +52
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente

Una assunzione di farmaco non può portare a nuovi effetti dopo tanto tempo.

È probabile che abbia qualche problema digestivo da far valutare.
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Carissimo dottore non vedo come possa essere un problema digestivo il mio visto che NON puo essere la cattiva digestone della pastiglia,inoltre non so dove abbia letto o studiato che la cattiva digestione porti a una crisi di panico acuta,a meno che lei le crisi di panico non sappia neanche cosa siano ma visto che e'laureato regolarmente in psichiatria credo che almeno abbia letto di che sto parlando,davvero una bella battuta comunque,complimenti
[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività +52
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Carissima utente

Il fatto che vomita e poi sta meglio è indicativo, come anche che le accade con diverse molecole.

Saluti
[#4] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Si ma si spieghi meglio con due parole non riesco a capire il concetto,cosa vuol dire che mi accade con diverse molecole?
[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività +52
20 attualità +20
20 socialità +20
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Gentile utente

La presenza di miglioramento dopo il vomito a seguito di un riferito attacco di panico depone per una problematica indipendente dal farmaco che, fino ad ora, aveva dato effetti positivi (probabilmente una problematica digestiva).

La presenza di crisi dopo una variazione repentina è invece da considerarsi un fenomeno possibile e prevedibile secondo la variazione che è stata fatta.

È anche probabile che possa essersi presentato qualche problema specifico ai farmaci già in uso che andrebbe considerato e valutato.