Utente 276XXX
Carissimi dottori di Medicitalia,
Vi scrivo in quanto sono nella confusione più totale,non so a chi rivolgermi poichè ogni cardiologo da cui vado mi cambia la cura e non riesco a capire quale sia la via giusta per combattere tutti i sintomi che mi pregiudicano una normale vita,compresa la sensazione persistente di svenimento che si presenta ogni sera..Sono un uomo di 53 anni,alto 170cm,peso 90 kg,non sono fumatore.
Il 25 Aprile 2012 mi sono recato al pronto soccorso a Roma,ricoverato in Cardiologia sono state eseguite le seguenti procedure: Coronarografia Doppio Catetere 88.56, PTCA con Stent Medicato 36.07, PTCA su 1 vaso 00.40, PTCA con 1 stent 00.45. Dati allegati alla procedura: Coronarografia, Pressioni: Aorta: 140/80, Circolo Coronarico: Bilanciato, Coronaria Sinistra: TC calcifico esente da stenosi, IVA calcifica nel 1° tratto con stenosi critica 75% eccentrica lunga su doppia curca nel 1°-2° tratto. Coronaria destra: esente da stenosi. Conclusioni: aterosclerosi coronarica calcifica con impegno critica della IVA. Indirizzo terapeutico: Angioplastica Coronarica. N° lesioni trattate: 1 IVA Prox. Efficacia: efficace. Conclusioni: eseguita con PTCA con guida PILOT 50, scarso supporto della BMW. Predilatazione con pallone 2.75x20 mm fino a 14 atm. Impianto di stent medicato RESOLUTE 3.0x18 mm a 12 atm. Buon risultato angiografico finale.
Relazione di dimissione:
diagnosi di C. ischemica. Angina da sforzo trattata con PTCA su DA I° e II° tratto. Funzione ventricolare sinistra conservata. Pregressi episodi di fibrillazione atriale persistente in profilassi farmacologica. Il pz. con storia di familiarità per C. ischemica eccesso ponderale, pregressi episodi di fibrillazione atriale parossistica esordita nel gennaio u.s. ed al momento in profilassi con amiodarone, si è ricoverato per episodio di dolore toracico. Durante la degenza, considerata la curva enzimatica negativa, è stato sottoposto a TEST ergometrico risultato positivo per ridotta riserva coronarica. In data 27 Aprile è stato sottoposto a coronarografia che ha mostrato la presenza di DA calcifica con stenosi critica eccentrica 75% I e II tratto che veniva trattata con impianto di stent medicato.
ECG dinamico: Sono stati registrati 3117 battiti ectopici sopraventricolari con numerose salve di fibrillazione atriale e di tachicardia sopraventricolare la più lunga di 46 battiti alle 16.50.
La terapia mi è stata modificata almeno dieci volte negli ultimi 8 mesi: l'ultima è:
Pantorc 20 mg a digiuno, Folina, Plavix 75 mg 1 cp ore 11, Cardioaspirin 100 mg ore 14, Losaprex 12,5 mg ore 18, Totalip 20 mg ore 21. Siccome la sera continuavo ad avvertire forti sensi di svenimento (chiedendo consiglio allo Specialista) ho cambiato Totalip con Simvastatina teva 20 mg ore 21. Mi ha sospeso anche il cordarone assunto diversi mesi.
Cosa mi consigliate? Che ne pensate? E cosa principale:a quale tipo di specialista devo rivolgermi? (continuano a cambiarmi cura in continuazione)
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
sarebbe cosa importante comprendere se le sue sensazioni di svenimento si abbinino alle fasi aritmiche evidenziate all'esame Holter. Utile l'utilizzo di un B-bloccante. Ne parli al collega cardiologo o si rivolga ad un centro aritmologico.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo dottore,la ringrazio per la celere risposta.
Le preciso che le sensazioni di svenimento non sono legate alle fasi aritmiche evidenziate dall'esame Holter e che il B-bloccante (Lobivon) mi è stato sospeso il 25 ottobre perchè il cardiologo lo ha ritenuto causa dei miei sintomi di debolezza e svenimento. L'ultimo Holter ECG di cui ho preso visione poc'anzi dice: Presenza di numerosi BESV spesso in fasi di TSV/FA. Alcune volte non condotti. Assenza di aritmia ventricolare e di pause patologiche.
Mi sono già rivolto a 4 aritmologi (indicatimi come i migliori),due mi hanno consigliato l'ablazione e due assolutamente no! Inoltre nessuno sa dirmi se il mio stato è dovuto all'aritmia o all'ischemia.
Non so più come comportarmi,che consigli può darmi?
Mi scusi del disturbo.
Cordiali saluti.