Utente 608XXX
Egregi Dottori, sarò un po’ lungo ma credo sia necessario perché possiate valutare il mio caso.
Ho 63 anni, nel 1992 senza che io avvertissi alcun sintomo,nel fare un ecg di routine riscontrarono la presenza di numerose extrasistole, iniziai una cura con “cordarone” ma senza alcun effetto anzi un ecg Hortler rilevò la presenza di 2179 battiti ectopici ventricolari polifocali senza fenomeni ripetitivi.
Un ecg da sforzo evidenziò la scomparsa delle extrasistole durante il carico e la ricomparsa nel recupero, feci anche uno studio elettrofisiologico transesofageo che evidenziò la presenza di battiti ectopici ventricolari a 2 morfologie, poco anticipati che presentavano una costante retro conduzione atriale e inducevano spesso un battito eco atriale, realizzando ritmo a 3 tempi. L’aritmia veniva soppressa dall’overdriving atriale a partire dalle frequenze di 120/m. Dopo test con flecainide (2mg/kg) si assisteva ad incremento dell’aritmia ventricolare.
Dopo questi esami mi dissero, di non prendere farmaci e di continuare la mia solita vita, poiché io non avvertivo alcun fastidio.
Dopo alcuni anni le extrasistole sembrarono scomparire.
A gennaio 2005 ho subito un intervento per adenocarcinoma sigma-retto, nel fare l’ecg pre intervento rilevarono un blocco completo di branca destra e frequenza cardiaca 55/m (forse dovuta all’uso di gocce Vistagan 0,5 per pressione oculare). Dopo l’intervento ho effettuato da febbraio a maggio 8 cicli di chemioterapia a scopo adiuvante schema Folfox, poi follow up di controllo semestrali e fortunatamente finora tutto sembra ok.
Nel mese di giugno 2007 dopo una notte un po’ agitata,(per il caldo?)mia moglie ha provato (chissà per quale motivo ?)a sentirmi il polso, avvertendo un battito anomalo siamo andati in ospedale qui:
- dall’ecg hanno rilevato una fibrillazione atriale a risposta ventricolare medio alta, BBDx (preesistente);
- dall’eco: marcata ipertrofia concentrica del ventricolo Sx che mostra normali dimensioni, cinesi e
contrattilità . Ai limiti superiori alla norma il diametro della radice aortica ed i diametri dell’atrio Sx.
- Gli esami ematici hanno rilevato ormoni tiroidei nella norma (assumo eutero x 50 ½ cpr al dì per la presenza di due noduli), elettroloiti sierici nella norma.
Poichè questa fibrillazione non era databile mi hanno prescritto il Coumadin per almeno un mese, Cardicor 2,5 1/2cpr x2 e hanno sostituito il Vistagan con il Lumigan.
Lo stesso giorno alle ore 16 era tornato il ritmo sinusale.
Dopo circa un mese e mezzo ho sospeso il coumadin e sostituito con cardioaspirina ho effettuato un ecg hortler che ha evidenziato: ritmo sinusale, conduzione A-V, BBDx completo con turbe secondarie della ripolarizzazione ventricolare. Frequenza media 55, min.39, max 88. Assenza di aritmie ventricolari. Battiti ectopici sopraventricolari(33) rarissimi con 1 coppia e 16 tardivi. Hanno quindi ridotto il Cardicor a 1,25 al dì.
La mattina del 18/12/07, sentendo il polso (io non avvertivo alcun fastidio) mi sono accorto che il battito non era regolare, di nuovo in ospedale, di nuovo fibrillazione atriale (frequenza 120/130), di nuovo coumadin perché non databile; alle 13,30 il ritmo era tornato sinusale.
Dopo circa un mese mi hanno di nuovo sostituito il coumadin con la cardiospirina, mantenendo il cardicor 1,25 al di e consigliandomi di sentire almeno una volta al giorno il polso.
La mattina del 18/02/08 nuovo episodio di fibrillazione 130/140,(io non avverto alcun fastidio) databile; poiché la sera prima il ritmo era regolare, cardiovertita farmacologicamente (ritmo tornato sinusale alle 19,00 dello stesso giorno).
Dopo questo ultimo episodio mi hanno consigliato sostituire il Cardicor 1,25 con Almarytm ½ cprx2 .
Riassumo i farmaci assunti attualmente: cardicor 1,25 x 1; Eutirox 50( ½ x1); Cardiaspirina 1; lumigan 1 gc.x occhio.
DOPO QUANTO ESPOSTO SONO A CHIEDERVI:
Dopo il tumore ora il cuore,potete spiegarmi come sono messo? Questi episodi così ricorrenti di fibrillazione che rischio mi fanno correre?, quali danni possono causare?, cosa devo evitare?
Ritenete che l’Almarytm (flecainide)che mi hanno consigliato ( che non era inefficace per le extrasistole) con la mia frequenza bassa (circa 50) possa essermi in questo caso di aiuto o lo sconsigliate?
Cosa mi consigliate di fare per cercare di risolvere il ripetersi di questi episodi di fibrillazione o a chi mi consigliate di rivolgermi considerando che abito nella provincia di Ascoli Piceno?
Nelle mie condizioni piccole attività come: camminata di 2/3 km., lavorare un piccolo orticello, guidare l’auto, volare con l’aereo possono essere fatte?
Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
9239

Cancellato nel 2008
Ne verrebbe fuori il quadro di una cardiopatia ipertensiva con episodi ricorrenti di fibrillazione atriale. Allo stato è consigliabile proseguire la terapia in corso, eventualmente aggiungendo un sartanico - del tipo losartan 100 mg al dì - utile a rinforzare la "prevenzione" degli episodi di fibrillazione atriale ricorrenti. Utile dieta con poco sale, ridurre peso corporeo se in eccesso, ridurre al minimo la dose di Eutirox. Tutte le attività che elenca possono essere svolte, con moderazione.
Se la fibrillazione continua a presentarsi con troppa ricorrenza allora potrebbe rivolgersi ad un centro di aritmologia, magari ad Ancona, per valutare altre possibilità terapeutiche, sicuramente più "invasive".