Utente 276XXX
Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni, nel 2008 dopo anni di svenimenti e disturbi vari (cuore che batte veloce, difficoltà a respirare, nausea, vertigini...) ho fatto il tilt test e mi hanno diagnosticato la sindrome vagale. Purtroppo ho molte crisi e spesso mi capitano anche mentre sono alla guida (specialmente d'estate). Questo mio problema mi limita nel lavoro in quanto faccio la commessa (in piedi 8 ore al giorno, negozio super affollato, mancanza d'aria) e i miei datori di lavoro non capiscono perché spesso svengo e sono incapace di lavorare. La mia domanda è: La sindrome vagale può essere riconosciuta come invalidante? In tal caso basta il documento dell'esame Tilt Test o serve altro?
Rimanendo in attesa sono a porgere i miei saluti.
F.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
E' una sindrome che può modificare in maniera sostanziale la qualità della vita di chi ne soffre e talora, se gli svenimenti non possono essere prevenuti, può anche determinare conseguenze pericolose...bisogna però capire se stiamo parlando di una forma prevalentemente vasodepressiva o cardioinibitrice (o mista)...in ogni caso per quanto riguarda la attestazione dell' "invalidità" non so esserle di aiuto (forse il suo medico di famiglia può aiutarla più di me), se invece le serve solo per dimostrare al suo datore di lavoro che non sviene "per scelta", basta l'Head up tilt test a dimostrare il contrario....
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
qual'è la differenza tra vasodepressiva e cardioinibitrice? Così in base ai miei sintomi posso capire, perchè al momento non ho i risultati clinici con me.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
I sintomi sono gli stessi, ma nel caso della vasodepressiva sono dovuti a riduzione improvvisa e importante dei valori pressori, mentre nel caso della cardioinibitrice ad abbassamento improvviso e importante dei battiti del cuore...la forma mista comprende entrambi i meccanismi...solo l'HUTT può essere dirimente.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Durante il tilt test prima di svenire avevo i battiti cardiaci a 150 al minuto. Appena mi stendo i battiti rallentano notevolmente arrivano anche a 70 ma appena mi siedo tornano subito su, sopra i 100 e io svengo.
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Forse non sono stato chiaro..non è lei che può stabilire se la sindrome è dell'uno o dell'altro tipo...solo i risultati dell'esame che ha fatto (necessariamente deve essere esplicitato) possono stabilirlo....
[#6] dopo  
Utente 276XXX

Iscritto dal 2012
Ho controllato nel risultato del tilt test ed è di tipo vasodepressorio. il mio problema è che mi vengono anche 4/5 volte al mese perchè lavoro in un ambiente chiuso, affollatissimo dove sto in piedi 8 ore.. I medici che ho visto mi hanno detto che l'unica cosa che posso fare è stendermi quando sento che sto per svenire.. Per questo vorrei provare a chiedere l'invalidità, perchè mi limita troppo nella vita quotidiana. Ma avere delle crisi così frequenti è pericoloso a livello cardiaco? E celebrale?
[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Non è pericoloso per il cuore e il cervello, ma possono essere pericolose le conseguenze dello svenimento (traumi da caduta, eventuali perdite di conoscenza durante la guida etc.), chiaramente solo se non riesce a far nulla per evitare di svenire di colpo....
Segua i consigli che sicuramente le sono stati dati sul come fare per evitare di svenire o almeno di evitare le conseguenze di uno svenimento...
Saluti