Utente 277XXX
Buongiorno, dopo due anni dalla separazione, ho iniziato una relazione con una donna molto intraprendente e dinamica, che mi ha letteralmente assalito sessualmente e di conseguenza bloccato, prendendo lei l'iniziativa in modo veloce ed inaspettato, assalendomi letteralmente data la sua forte attrazione fisica verso di me.
Durante i nostri rapporti (6/7 in un mese ) non sono mai riuscito a eiaculare così poi da perdere l'erezione. Non avevo mai avuto sti problemi, anche se durante la fine del matrimonio non riuscivo a concludere il rapporto se non con la masturbazione, visto ormai il completo disinteressamento verso la mia ex moglie. Conclusa tale relazione ho un completo calo di desiderio senza avere stimoli in nuove avventure e in genere verso le donne.
Grazie Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dalla sua storia sembrerebbe essera presente una problematica psicologica che andrebbe confermata anche attraverso esami specifici per escludere una componente organica. Sarebbe quindi necessaria una visita specialistica anche consultandosi con il suo medico di base che conoscendo il territorio le darà le migliori informazioni.

Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2012
grazie per la sua cortese risposta, ho eseguito i controlli medici per escludere la componente organica ed è risultato tutto in ordine.
quindi quali possono essere i risvolti psicologici di tutto ciò.
saluti,
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la cosa migliore è affrontare il problema confrontandosi con lo psicologo infatti le sue difficolta' potrebbero essere causate dalla presenza di timori e sensi di colpa che ostacolano la dinamica sessuale e per questo la soluzione più pratica ai suoi disturbi dell’orgasmo è quella di partecipare, dopo accurata valutazione clinica del problema, ad una terapia sessuale comportamentale di tipo individuale o di coppia.

Ancora cordialità