aorta  
 
Utente 242XXX
Buona sera,la contatto per il mio papa',67 anni,dializzato,in quanto gli e' stata diagnosticata una dilatazione dell'aorta di 53 mm.Gli e' stato consigliato l intervento ma siamo molto preoccupati....Le chiedo fino a che livelli si può arrivare senza intervento,e,quali sono i rischi che si corrono non facendolo.E facendolo ci sono dei rischi?Aspetto con ansia risposta!La ringrazio infinitamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
L'indicazione cardiochirurgica ad un intervento di sostituzione dell'aorta ascendente sembrerebbe corretta, anche solo sulla base delle dimensioni dell'aorta che vengono riportate.

In questi casi è minore il rischio di sottoporsi all'intervento, che quello di rimanere in queste condizioni, rischiando una rottura dell'aorta in acuto con conseguenze gravissime e non sempre risolvibili.

Mancano molte informazioni, purtroppo, per poter effettuare una corretta valutazione del rischio operatorio.

In ogni caso l'insufficienza renale cronica che affligge suo padre è un fattore di rischio aggiuntivo che da sola, non rappresenta una particolare controindicazione all'intervento.

Non esiti a contattarmi per dubbi o altre domande che le venissero in mente.

GI
iaci.giuseppe@hsr.it
[#2] dopo  


dal 2014
Grazie per la tempestiva risposta.Mio padre e' stato operato nel lontano 1987 alla valvola mitralica.è portatore di defibrillatore a causa di un arresto cardiaco in cui non ha riportato alcun danno.Del resto sta bene,l unica cosa che pesa 58kg,non so se può' influire.Cmq mi potrebbe spiegare in parole semplici di che intervento si tratta e la degenza quanto dura?e' possibile effettuare l ' intervento tra qualche mese o bisogna intervenire subito?grazie!
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
La presenza di un pregresso intervento cardiochirurgico purtroppo, aumenta il rischio operatorio in modo significativo; non la presenza di un defibrillatore, se non fosse presente una disfunzione ventricolare sinistra che viene valutata all'ecocardiogramma.

L'Intervento consiste nella rimozione chirurgica del tratto di aorta dilatata e della sua sostituzione con tubo protesico in dacron, in sternotomia mediana e circolazione extracorporea come il pregresso intervento.

L'Intervento non è' urgentissimo, e in ogni caso da valutare con molta attenzione soprattutto considerando il fatto che è un secondo intervento; il peso del paziente farebbe presupporre una superficie corporea non eccessiva, in rapporto alla quale le dimensioni della aorta sarebbero tali da meritare una valutazione chirurgica.

Non mi sentirei di darle una indicazione all'intervento al 100 % senza aver visto il paziente, ma con ogni probabilità il collega che ha effettuato la valutazione avrà effettuato il mio stesso ragionamento, arrivando a consigliarle l'intervento anche in base all'età del paziente.

La degenza dura circa 10 giorni in ospedale e 15/20 in riabilitazione, tutto tramite Servizio sanitario nazionale.
GI
[#4] dopo  


dal 2014
Grazie!
[#5] dopo  


dal 2014
mi scusi se sono ancora qui a scrivere,le chiedo se e' il caso di fare una tac con il contrasto?grazie
[#6] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
E' uno degli esami che viene comunemente effettuato nel preoperatorio in un reintervento di aneurisma dell'aorta ascendente. Suo padre e' in dialisi, il mezzo di contrasto non potra' alterare una funzione renale gia' insufficiente.

GI
[#7] dopo  


dal 2014
Grazie per la risposta!volevo chiederle se esiste qualche altro tipo di intervento.grazie!
[#8] dopo  
Dr. Giuseppe Iaci
32% attività
16% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2010
Non esiste altra possibiltà di trattamento di questa patologia.

GI