Utente 277XXX
Salve a tutti, sono un ragazzo di 19anni (20 a Gennaio) ed esattamente un mese fa ho riscontrato, o meglio, mi è stata riscontrata, una trombosi safenica alla gamba sinistra, esattamente il trombo si trovava nella zona del malleolo. Il primo angiologo che mi ha avuto in cura mi ha prescritto due dosi di Eparina (una al mattino, una la sera) per 30 giorni, sicchè verso il terzo giorno ho iniziato ad espettorare sangue, portandomi a cambiare angiologo. Il secondo (davvero bravo, devo ammetterlo), mi ha prescritto l'Eparina per soli 6 giorni dall'inizio della cura e un cambiamento di trattamento con Prisma in compresse, per 30 giorni (oltre alla calza antitrombotica che indosso tuttora). Dopo un secondo controllo a 30giorni dalla prima dose di Eparina il trombo è completamente scomparso (visto tramite Eco-colordoppler), tranne che per questa vena che è ancora gonfia. E' normale? Soprattutto è dovuto al trauma che ha subito il mio fisico oppure c'è la possibilità che si sia riformato il trombo? (Questa volta la gamba non è gonfia nè avverto dolore, solo un lievissimo fastidio quando poggio la gamba a terra..) Sentiti ringraziamenti in anticipo. Giuseppe.
[#1] dopo  
Prof. Ugo Bertoldo
24% attività
0% attualità
12% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Buona sera,
considerato che l'ultimo ecodoppler esclude una recidiva di trombosi, ritengo che possa stare tranquillo.
E' importante invece sapere se la safena presenta un'insufficienza delle sue valvole e quindi se è necessario procedere ad un eventuale trattamento invasivo, o semplicemente trattare la malattia con calze elastiche e farmaci.
Si consigli con il suo chirurgo vascolare, non le possiamo fornire indicazioni precise con il solo consulto a distanza.

Buona serata
[#2] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
A quanto egregiamente suggerito dal Collega mi permetto solo di aggiungere che potrebbe essere opportuno porre attenzione alla ricerca dell'origine della trombosi, valutando la possibile esistenza di una diatesi trombofilica (congenita alterazione del sistema coagulativo).