Utente 278XXX
buongiorno,

in seguito al sospetto di allergie alimentari il medico mi ha prescritto il rast test e sono stati rilevati i seguenti valori di Ige specifiche:
Orzo kU/L 58,2
Riso kU/L 38,6
Cipolla kU/L 28,7
Grano kU/L 27,9
Aglio kU/L 22,6
Sedano kU/L 10,9
Pomodoro kU/L 8,57
Carota kU/L 6,74
Fagiolo kU/L 5,54
Cacao kU/L 5,52
Arachide kU/L 4,63
Pesca kU/L 2,55
Patata kU/L 1,58
Mais kU/L 8,45
Mela kU/L 0,99
Semi di soia kU/L 5,55
Mandorla kU/L 13,5
Castagna kU/L 0,51
Pisello kU/L 0,43
Lievito di birra kU/L 0,3
Albume kU/L 0,28
Tuorlo kU/L 0,11
Tonno kU/L 0,1
Yogurt kU/L 0,1
Latte kU/L 0,1
Nocciola kU/L 1,33

le Ige totali sono 2576. Premetto che sono un soggetto con allergie fin da quando avevo 4 anni, ma fin'ora avevo solo allergia ad inalanti. Inoltre sono in cura da un gastroenterologo per il sospetto di una malattina cronica intestinale (il mese prossimo farò una colonscopia con biopsia). Volevo capire da che valore di Ige specifiche si può individuare la presenza di un'allergia . Effettivamente l'assunzione dei cibi con Ige molto elevate mi creano forti dolori addominali, dissenteria e a volte vomito per diversi giorni e in seguito all'eliminazione sto molto meglio.
Vorrei però capire come comportarmi con alimenti come il mais e la soia che sto mangiando in questo periodo come sostituti degli alimenti che mi davano problemi, per evitare una sensibilizzazione o reazioni anche con questi cibi.

grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Gentile utente,
i test devono essere sempre "incrociati" con il quadro clinico, altrimenti non servono a nulla.
Quando si vedono positività così ampie, è necessario cercare di fare un po' d'ordine con ulteriori accertamenti (es. ISAC test); forse questo articolo di facile lettura potrebbe essere utile a comprendere perché: http://www.medicitalia.it/minforma/allergologia-e-immunologia/1150-allergologia-molecolare-relativamente-nuovo-approccio-allergia.html .
Pertanto sarà opportuno che gastroenterologo e allergologo collaborino per chiarire la situazione e permetterLe la migliore qualità di vita possibile.
Saluti,
[#2] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
Buongiorno Dr. Marchi
la ringrazio per la risposta. Avrò i risultati dell'ISAC test per metà dicembre. Ma questo test dà risposte certe o per l'ennesima volta sentirò parlare di dubbi?
la ringrazio
[#3] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
Cara mia,
il dubbio è l'unica certezza che esiste in Medicina.
Ma ripeto che TUTTI gli elementi clinici, quindi non solo il risultato del test ISAC, dovranno concorrere a darLe un orientamento logico che minimizzi i rischi senza influire patologicamente sulla qualità di vita con diete eccessivamente restrittive.
Saluti,
[#4] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
buonasera
ho avuto i risultati dell'Isac test e sono emerse allergie a grano, noce, diversi inalanti e ai marker ccd (determinanti carboidratici nMUXF3). Sa dirmi cosa sono?

grazie mille
[#5] dopo  
156628

Cancellato nel 2015
I determinanti carboidratici sono responsabili di positività "diffusa" dei test alla quale non sembra corrispondere una reale significatività.
Vale sempre quanto detto all'inizio, cioè che il risultato di ogni test (ISAC compreso) deve essere valutato alla luce del quadro clinico.
Saluti,