Utente 702XXX
Buonasera a tutti,
vi richiedo un consulto anche se mi rendo conto possa essere troppo presto.
Ho 24 anni e 15 giorni fa sono stato operato: mi è mi è stato rimosso il "canale fistoloso" in zona sacro-coccigea. L'intervento è andato bene e mi sono stati applicati dei punti per chiudere la ferita. Il decorso post-operatorio è stato tranquillo e indolore e ho perduto solo una piccola quantità di liquido a distanza di circa 10 giorni dall'intervento. Sono andato a far medicare la ferita 2 volte in ospedale, senza che mi venisse riscontrato nulla di strano. Oggi ho tolto i punti in ambulatorio e a parte una lista di precauzioni da seguire il medico non mi ha detto nient'altro.

Per la prima volta ho potuto vedere la ferita, chiusa quasi completamente.

MI PREOCCUPA però la presenza di una piccola tumefazione distante meno di mezzo centimetro (più in alto, ancora più vicina alla schiena) da dove inizia la cicatrice. Sono preoccupato perché presenta tutte le caratteristiche della cisti che un anno fa aveva iniziato a darmi fastidio e che è stata rimossa con l'intervento.
Il fatto che a togliermi i punti oggi sia stato un medico mi rassicura, ma d'altra parte non vedo perché non mi abbia detto di non preoccuparmi per la presenza di questa "irregolarità".

Ovviamente confido nel fatto che sia una cosa passeggera, ma nel frattempo vi chiedo se una situazione simile possa essere normale.

Grazie in anticipo per l'aiuto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
a distanza d pochi giorni dall'intervento è possibile che il focolaio chirurgico non sia ancora del tutto stabilizzato.
Il fatto che il Medico che l'ha medicato non abbia fatto menzione di particolari problematiche dovrebbe essere sufficiente a rassicurarLa.
E' ovviamente impossibile per noi a distanza esprimere valutazioni sulla progressione del decorso postoperatorio.