Utente 278XXX
Salve. Mi complimento per il sito davvero utile in molte situazione e personalmente mi ha rassicurato in molte circostanze. Scrivo in merito al mio problema:
Sono stato operato tre settimane fa per la curvatura del pene che rappresentava un problema funzionale oltre che estetico. Volevo capire se i punti interni cadono mediamente come quelli esterni o se bisogna aspettare piu tempo, perchè in giro per internet ho trovato che possono cadere anche dopo mesi. Questo mi è venuto in mente dopo che da qualche giorno durante le erezioni sento come delle fitte localizzabili sui punti interni che nelle prime due settimane non avevo. Per i punti esterni invece non ho nessun problema e stanno cadendo celermente.
Inoltre volevo sapere se devo aspettare il completo riassorbimento dei punti interni (al momento sento al tatto un paio di punti interni e una sorta di cicatrice credo) per riprendere l'attivita sessuale o solo la caduta di quelli esterni. Sono stato operato con la tecnica di nesbit per una curvatura di circa 55 gradi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

non avendo partecipato in modo diretto all'intervento chirurgo che l'ha riguardata, ci è difficile risponderle.

Tanto per darle alcune informazioni chirurgiche, anche se la maggior parte dei colleghi usa dei fili riassorbibili anche sull'albuginea e la fascia profonda di Buck, in alcuni casi, per particolari situazioni anatomiche intraoperatorie, invece vengono chiesti fili non assorbibili e quindi il quesito su i tempi ed i fili usati, che lei ci indirizza, solo al suo chirurgo reale lo deve e lo può fare.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta. I punti so per certo che sono riassorbibili e mi è stato detto (non dal chirurgo stesso ma da una dottoressa che segue i pazienti, per telefono, poichè risiedo in tutt'altra zona d'italia rispetto a dove sono stato operato) che i punti interni dovrebbero andarsene insieme (piu o meno) a quelli esterni; volevo capire se è possibile, visto che si sta parlando di due ferite diverse in condizioni diverse.
Per quanto riguarda quelle fitte che avverto ogni tanto, a cosa dovrebbero essere dovute, provando a capirlo dal poco che le ho saputo dire?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le informazioni ricevute dalla sua dottoressa sono corrette e, se punti riassorbibili, devono riassorbirsi.

Per quanto riguarda le "fitte" da lei indicate invece, senza la possibilità di un controllo clinico diretto, poco di serio da questa postazione, le posso dire.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 278XXX

Iscritto dal 2012
Nuovamente grazie; vorrei chiedere un ultima cosa: essendo caduti i punti esterni e la sentendo al tatto la cicatrice interna molto ridimensionata potrebbe dirmi se per riprendere l'attivita sessuale devo aspettare la completa caduta dei punti interni (che immagino siano quei piccoli bozzetti appuntiti). Il mio problema è che, non potendoli vedere e non potendomi fare controllare, non riesco a capire quando effettivamente si sono riassorbiti. Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
A circa trenta giorni dall'intervento, se tutto è filato liscio, con cautela e buona lubrificazione è possibile riprendere una normale attività sessuale.

Risenta comunque in diretta, sempre il suo andrologo, il medico che l'ha operata.

Ancora cordiali saluti.