Utente 279XXX
Visto che ho provato un farmaco che mi è stato somministrato in carcere circa un'anno fà,e visto che credo sia molto efficace per eliminare la dipendenza dal metadone,vorrei sapere il nome ho almeno la sostanza contenente in quella siringa che mi era stata fatta in carcere,il quale nome non mi era stato detto,ma era la puntura sintomatica contro gli effetti della dipendenza da eroina.
[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Mi sembra faccia una gran confusione. La sospensione del metadone può essere attuata senza ricorrere a farmaci particolari, semplicemente con la graduale riduzione dello stesso sotto supervisione medica.
La "dipendenza da metadone" non esiste, si tratta di una cura per la tossicodipendenza da eroina o altri oppiacei d'abuso, che è concepita per durata a lungo termine al fine di cambiare il decorso naturale della tossicodipendenza.
Le persone che ricorrono a metodi rapidi di sottrazione della terapia (perché di questo si tratta quando si sospende il metadone senza indicazione medica) si ri-espongono alla tossicodipendenza con il suo decorso a ricadute.
Anche se è frequente che una persona dopo la carcerazione, se assume metadone, lo scali fino a toglierlo, questo è un procedimento sbagliato in termini medici, perché è niente altro che una sottrazione di terapia. Sarebbe come sospendere una cura per prevenire l'infarto.
Lo stesso vale fuori dal carcere.

Nello specifico, la puntura "sintomatica" contro gli effetti della dipendenza da eroina non è chiaro cosa significhi, quali effetti ? L'astinenza da eroina ? In questo caso può essere un qualsiasi oppiaceo oppure un sintomatico ansiolitico o sedativo, ma non è specifico in realtà per la dipendenza da eroina.
La dipendenza da eroina ha due cure di efficacia significativa, e sono cure di mantenimento, non di disintossicazione rapida.

Un farmaco "per sospendere la somministrazione del metadone" sarebbe solo un metodo per favorire un'operazione controproducente rispetto alla malattia con cui deve fare i conti.