Utente 279XXX
Buongiorno, sabato la mia dentista mi ha otturato il molare sinistro inferiore. Ha dovuto procedere ad una seconda anestesia durante l'operazione in quanto il dente non era del tutto insensibile. passato l'effetto dell'anestesia nella zona del dente ho cominciato a sentire pulsare. il dolore si accutizza quando magio e di notte. Dopo i p asti alterno tachipirina e mesulid. Dopo tre gg mi sono accorta che nella gengiva internamente si è creato un gonfiore che al tatto mi fa vedere le stelle.Tornata in ambulatorio, mi è stato abbassato il dente e mi è stato detto di stare tranquilla che il gonfiore era dovuto all'anestesia e alla coroncina usata per fare l'otturazione. Il dolore comunque persiste e sono un pò preoccupata ....è normale che l'anestesia crei questi problemi? La sensazione è di mal di denti vicino al nervo....non l'avevo mai provato così forte perchè curo le carie prima avere troppo male. ringrazio da ora per la risposta
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente un dente otturato non deve dare dolore a distanza di giorni dalla terapia.
Ricontatterei lasua dentista per rivedere la terapia.
[#2] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,
quando un dente manifesta un dolore al semplice contatto con l'arcata dentaria antagonista è evidente che c'è una patologia in atto.
Deve effettuare al più presto un nuovo controllo ed una analisi clinico-gnatologica, e dopo un sondaggio parodontale ed una o più Rx endorali, si eseguono le prove termiche che stabiliranno la vitalità pulpare.
Dalla sua descrizione sembra che l'otturazione sia molto vicino alla camera pulpare e questo può essere uno dei motivi del dolore perchè la polpa potrebbe avere una iperemia attiva (reversibile) cioè un maggior afflusso di sangue (a seguito di stimoli irritativi) che causa compressione delle terminazioni nervose, ma potrebbe anche trattarsi di una iniziale pulpite o necrosi dell'elemento che invece porterebbero alla necessità di una devitalizzazione.
Ovviamente bisogna valutare anche che non ci siano precontatti sulla superfice della nuova otturazione cioè aree che entrano in contatto prima di altre con il dente dell'arcata antagonista: in questo caso, se l'otturazione è stata eseguita correttamente con una buona modellazione delle cuspidi e dei solchi dentari, è necessario rimuovere i precontatti e ricontrollare bene l'occlusione (come appoggiano i denti tra loro).
Ecco perchè è indispensabile una visita diretta dallo specialista che potrà diagnosticare la causa e poi suggerirle la terapia idonea.
Cordialmente
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Oscar Muraca
40% attività
16% attualità
20% socialità
AMANTEA (CS)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Da come ha descritto la cosa sembrerebbe trattarsi di un ascesso incipiente, ma mi lascia molto perplesso il fatto che il collega abbia detto che sia dovuto all'anestesia...!? In ogni caso la sua sintomatologia non è normale, quindi deve farsi ricontrollare.
Saluti
[#4] dopo  
Dr. Alessandro Francini
24% attività
4% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
"è normale che l'anestesia crei questi problemi?"

Gentile utente, fermo restando che concordo con la maggior parte di quanto già detto dagli altri colleghi, mi sento però di spezzare una lancia in favore del suo dentista.

Effettivamente c'è un tipo di anestesia che in casi sporadici può dare la sintomatologia da lei descritta. Più che un tipo di anestesia è un tipo di iniezione. L'anestetico è sempre lo stesso.
Si chiama anestesia intraligamentaria. La si esegue facendo penetrare l'ago, cortissimo e sottilissimo, nello spazio (virtuale) tra dente e gengiva. Per farla si usano siringhe particolari, capaci di applicare una pressione maggiore rispetto alla siringa tradizionale.

Una di queste siringhe ha la forma che ricorda vagamente una pistola .
Un'altra ha la forma simile a una grossa penna.

Se ricorda qualcosa del genere, potrebbe effettivamente trattarsi di un problema legato all'anestesia.

Cordiali saluti
[#5] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Grazie a tutti, nel pomeriggio torno dalla dentista anche perchè il dente continua a pulsare soprattutto dopo mangiato. Da ieri prendo l'antibiotico.
Spero tanto non debba metterci subito le mani perchè sono terrorizzata da un'anestesia sulla gengiva...visto il dolore che provo con la semplice pressione del dito nella zona di gonfiore. Non conosco il tipo di anestesia a cui sono stata sottoposta...la siringa era dentro un accessorio con l'aspetto di un cavatappi. Incrocio le dita visto che non sono per niente coraggiosa in queste occasioni.