Utente 279XXX
Salve, qualche giorno fa ho fatto una visita dall'urologo, pensando di avere la fimosi; praticamente, quando io provavo a scoprire il glande mi tirava, ed io non avevo mai provato ad andare oltre perché avevo paura di causare una parafimosi. L'urologo me l'ha scoperto, e mi ha spiegato che sento dolore perché non scopro mai il glande, e quindi sta "a mollo" tra l'urina e i vari liquidi di scarto; una cosa che pensavo collegata alla fimosi è la mia ipersensibilità al glande, che se me lo tocco mi fa male : l'urologo mi ha spiegato che è sempre per quel motivo, e mi ha fatto un esempio dicendo che se non mi pulissi mai il sedere mi farebbe malissimo
Volevo sapere intanto come lavare il glande; devo farmi il bidet?E posso usare il sapone o lo irrita peggio?Dopo quanto passerà l'infezione e potrò toccarmi normalmente il glande, non avendolo praticamente mai lavato completamente in vita mia?E poi possibile che il glande si adatti al contatto solamente venendo immerso nell'acqua?
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
se ha la fimosi la circoncisone sistemerà tutto. Nel frammentre si lavi ogni volta che urina con olio di mandorle dolci e acqua tiepida
[#2] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
forse non mi sono spiegato bene, l'urologo mi ha detto che non ho nessuna fimosi, e che il motivo per cui mi "tira" quando provo a scoprire il glande è che è infiammato, e il motivo della mia ipersensibilità lo ricollega sempre a questo