Utente 640XXX
Gentili dottori, volevo un parere per quanto riguarda le dimensioni del mio pene.
Sono un ragazzo di 26 anni italiano, sono alto 1.79m.
Il mio pene presenta una lunghezza in erezione di 14cm ed una circonferenza sempre in erezione di 11,5cm (misurata a circa metà dell'asta).
Può considerarsi effettivamente piccolo? In particolare la circonferenza è effettivamente ridotta? Ritenete che avrei dei problemi con le ragazze?
Secondo voi è da prendere in considerazione un intervento di falloplastica?
Spero possiate darmi qualche indicazione, visto che su internet si leggono pareri discordanti tra i vari specialisti.
Esistono dei valori di riferimento validi per la nostra popolazione?
Potreste fornirmi dei valori medi del pene in erezione sia in lunghezza che in circonferenza? Mi interesserebbe conoscere in particolare la circonferenza media in erezione.
Scusate le domande... spero possiate darmi qualche dato serio ed attendibile.
Grazie.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Prof. Giovanni Martino
28% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Gentile Utente,
se Lei potesse consultare tutti i lavori scientifici attentibili, e con questo termine intendo lavori scientifici pubblicati su Riviste nazionali ed Internazionali Indexate e con Impact Factor adeguato, apprenderebbe che le dimensioni del Suo pene rientrano perfettamente nella media, non solo Italiana ma Mondiale, sia in termini di lunghezza che di circonferenza e diametro.
Capisco perfettamente quanto sia importante essere gratificati dalle dimensioni del proprio pene, quanto qusto renda poi gratificanti i rapporti con gli altri e con l'altro sesso in particolare. Avranno di certo fondamento, chissà, alcuni adagi popolari (non importa che sia piccolo, purchè funzioni; nella botte piccola c'è il vino buono; piccolo purchè duri; etc etc), ma tutti gli uomini sanno quanto al momento fatidico conti poter mostrare un "argomento" il più convincente possibile, prima di tutto per se stessi e poi per il/la partner.
Un bravo psichiatra potrebbe esserci di aiuto in molte di queste occasioni.
Volendo concludere:
1) Io non la opererei mai di falloplastica: Lei ha un pene perfettamente nella norma. La chirurgia plastica di allungamento e ingrossamento del pene, che comporta buoni e speso esaltanti risultati, ha campi di applicazione diversi.
2) Si dovrebbe evitare di cadere nella tentazione di "allungarlo" a tutti i costi in maniera per così dire artigianale, sottoponendosi a svariati metodi alternativi alla chirurgia. Lei nemmeno immagina cosa mi è capitato di vedere e poi tentare di operare e rimediare: esiti di stravaganti terapie di trazione, costrizione, gonfiaggio, sgonfiaggio, pesistica... alcune volte condotte per mesi o anni. Pillole miracolose, unguenti mirabolanti..
3) Eventuali problemi di relazione con il sesso femminile andrebbero affrontati con altri colleghi specialisti e non con il chirurgo.
Ci tenga informati.
Affettuosi auguri ed un cordialissimo saluto.
Prof. Giovanni MARTINO