Utente 279XXX
Salve,
sono un ragazzo di 30 anni che a seguito di sintomi quali tosse leggera (come se dovessi schiarirmi la voce) naso e orecchie tappate da più di 10 anni ho richiesto una ecografia al collo. L'ecografista non ha riscontrato nulla sul collo ma da una sua auto analisi nella regione sovraclaveare sinistra ha notato una formazione di 4 cm altamente vascolarizzata di tipo infiltrativo. Preoccupato il giorno dopo (14 Novembre 2012) ho effettuato una risonanza magnetica al collo che ha riscontrato il seguente referto: Esame effettutato con diverse tecniche di raccolta del segnale, anche con sequenze Fat Sat e dopo somministrazione di mdc paramagnetico, orientate secondo i piani principali dello spazio.
Strutture laringo-tracheali in asse. Si conferma la presenza, in corrispondenza della regione sovraclaveare di sn, interposta fra le fibre del m.sternocleidomastoideo e del muscolo scaleno anteriore, di una formazione a margini regolari del diametro max di circa 38 mm a segnale intermedio nelle sequenze T1 e T2 - dipendenti e con omogeneo potenziamento dopo mdc.
Il reperto è compatibile in prima istanza con disordine fibroproliferativo benigno (fibromatosi giovanile) Si consiglia videat chirurgico
Dopo questo esito mi sono rasserenato e mi sono rivolto ad un amico di famiglia medico che potesse visitarmi e consigliarmi un chirurgo generale o specifico per l'asportazione della formazione. A seguito della visita dove mi ha tastato le principali zone linfonodali, non ha notato nulla, ha anche affermato che la formazione sopra la clavicola è mobile e che è un buon segno. Mi ha indirizzato verso un chirurgo toracico o un otorino. Fisso appuntamenti con entrambi, a questo punto mi si consiglia di rimuoverlo e esaminarlo, ma dalla visita dell'otorino la cosa sembra di nuovo inclinarsi.
L'otorino mi esegue un'altra ecografia al collo, mi infila un tubicino nel naso e abbastanza allarmato mi fa eseguire d'urgenza un rx al torace.
L'esame del torace è negativo. Ma mi dice che lui sospetta comunque un linfoma, inoltre mi segnala setto nasale deviato e una piccola linfo-adenopatia in zona latero cervicale. Decido di sentire un chirurgo vascolare a seguito delle parole rassicuranti del mio medico di base. A seguito della visita in cui non riscontra nulla a livello tattile mi consiglia una tac collo-torace-addome per verificare l'assenza di linfonodi ingrossati nell organismo.
Questo controllo lo effettuerò martedì 4 dicembre e sono abbastanza preoccupato.
Premetto che non ho febbre da almen 2 anni, un buon appetito nessuna sudorazione, nessuna perdita di peso, le analisi del sangue con marker hanno dato esito negativo e sono nella norma. Leggendo ho visto che potrebbe trattarsi di linfonodo di Virkhow indice di metastasi di carcinoma in sede addominale. è possibile riscontrare un cancro solo da questo segno senza altri sintomi? 5 anni fa ho avuto il gesso per una frattura all'omero che sfregava in quella posizione. può essere presa in considerazione? Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il linfonodo di Virchow-Troisier si puo' trovare proprio in sede sopraclaveare sinistra, sito di drenaggio linfatico di gran parte del corpo umano, e puo' essere sede metastatica di tumori dell'addome, primo fra tutti il cancro allo stomaco. Questo perche' certi tumori, prima di dare sintomi, possono essere gia' ad uno stadio avanzato, e quindi il linfonodo di Virchow funge da campanello di allarme. Ovviamente uno studio accurato del suo problema non puo' prescindere dal considerare anche altre ipotesi: il linfoma, come gia' le e' stato suggerito, il tumore al polmone o altri processi di natura infettiva. Non voglio spaventarla, perche' si tratta sempre di percentuali molto basse, alcune delle quali tra l'altro gia' escluse dai Colleghi che la seguono; pero' e' indubbio che il processo diagnostico che ha gia' iniziato va proseguito e portato a termine. La parola fine su questo capitolo sara' comunque possibile scriverla solo dopo l'esame istologico che, per sua caratteristica, deve essere fatto sulla neoformazione stessa: per tale motivo credo che la cosa migliore da fare, non appena avuto l'esito degli utlimi accertamenti eseguiti, sia quella di valtare l'ipotesi della rimozione chirurgica.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Grazie della risposta, abbastanza repentina, ma come mai la risonanza magnetica ha dato quel referto? come mai si sospetta ancora?
[#3] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Io credo (e spero) che cio' che ha scritto il Radiologo sul referto della risonanza sia affidabile. Tuttavia il Collega si lascia anche lui un margine di errore consigliandole la visita chirurgica, che non vuol dire altro che valutare appunto la possibilita' di asportare la neoformazione e analizzarla microscopicamente. Valutare comunque non significa che andra' fatto per forza. Pero' vista la posta in gioco, molto alta, e sebbene le probabilita' siano tutte a suo favore, fossi in lei non lascerei nulla di intentato.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Assolutamente no, andrò fino in fondo.
La ringrazio ancora e la terrà aggiornata.
Cordiali saluti
[#5] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Scelta saggia...
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Salve, mi sembrava giusto informarvi della fine di tutto questo incubo...
Ho effettuato tutti gli esami del caso ed anche l'intervento chirurgico.
L'esame istologico ha dato: "Malattia di Catelmann Ialino Vascolare", sono in cura da un Ematologo il quale mi ha prescritto solo monitoraggi a distanza. Farò il primo a settembre. Un gran respiro di sollievo visto che in prima istanza mi era stato diagnosticato un Linfoma Non Hodgkin, smentito anche da una seconda verifica in un'altra struttura. Ringrazio per la precedente consulenza, mi sembrava giusto inserire la diagnosi finale.
Cordiali saluti
[#7] dopo  
Dr. Stefano Spina
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Grazie a lei: la diagnosi finale assicura la necessaria completezza anche a favore di chi eventualmente leggerà in futuro questo suo consulto.
Cordiali saluti