Utente 280XXX
I miei importanti problemi intestinali, con l’intensificarsi della sintomatologia dolorosa e di eccessivo rigonfiamento del laparocele situato a sx, e, per l’esattezza in corrispondenza del colon trasverso, hanno origine, per l’appunto, soprattutto, con grave peggioramento, dal momento dell’intervento al rene. Non riesco ad evacuare se non attraverso dosi massicce di lassativi, e nel caso ciò avvenga, il dolore al fianco diviene insopportabile, e nemmeno gli antidolorifici più disparati, riescono ad attenuare i lancinanti dolori, mentre divengon fastidiose le nausee continue. Anche se fin dall’adolescenza, soffrivo di stipsi ostinata, di colon irritabile su un dolicomegacolon e dopo aver subìto un intervento di appendicectomia, si aggiungono alla situazione attuale: gastrite erosiva, ernia iatale, una estrema difficoltà a trattenere i liquidi (in Emilia Romagna mi han diagnosticato una disfagia ai liquidi…), nonostante la mia alimentazione sia sempre stata sobria, senza mai condimenti e fritti. Degli Specialisti consultati, non ce n’è sol uno che abbia diagnosticato la medesima cosa . Chi avrebbe voluto effettuare una colectomia sub – totale, chi , invece , totale , chi parlava di inserirmi in un protocollo di terapia antalgica con antidepressivi ( che non posso assumere…), sosteneva di applicarmi un neuro – modulatore sacrale , chi prescriveva…di imparare a fumare o di applicare le Nicorette, chi presumeva si trattasse di Sindrome del compasso aorto – mesenterico…, l’aorta, il duodeno , spostare questo , aggiungere quell’altro. Provare, come una cavia…C’è chi ha parlato di sclerodermia, chi di MEN…e chi si è lavato le mani , inviandomi a consulenza da questo o quel collega, insomma, in lungo e in largo, ho girato buona parte dell’Italia della Chirurgia e della Gastroenterologia…
Finchè, una quindicina di giorni fa, un altro Chirurgo , si è opposto all’intervento , prescrivendomi cure naturali e agopuntura , incrementando l’alimentazione anche con integratori minerali, spezie e più proteine, abolendo lassativi e antidolorifici ,aggiungendo una molecola per aumentare la motilità intestinale inesistente ( dissinergia ano – rettale ), ecc
Sto seguendo i consigli diagnostici, ma, non sto affatto bene… Gentilmente, umanamente, chiedo di essere aiutata a risolvere questo mio problema…Vi prego ! Sono una donna di 53 anni, affetta da plurime patologie, per aver subìto, negli ultimi anni, numerosi interventi chirurgici importanti, come per esempio: intervento di microchirurgia per neo – formazione, orecchio esterno sx, al naso per turbinati, setto, polipi, etmoide, inoltre, da bambina anche tonsillectomia e adenoidectomia, poi ancora, isterectomia sub – totale, intervento di microchirurgia vascolare per la coartazione / esclusione di emangioma cavernoso in seguito al verificarsi di un’emorragia cerebrale sub – aracnoidea, intervento di imozione cicatrice addominale, intervento per rizoartrosi polso sx, intervento per angiomiolipoma rene sx.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Comprendo la sua amarezza per non essere riuscita ad avere una diagnosi e, di conseguenza una terapia adeguata, ma come dice lei ha molte patologie associate per cui per noi diventa praticamente impossibile esprimerci senza aver valutato la documentazione e senza aver effettuato una visita in diretta. La via web in questo caso è impotente.

Cordialmente