Utente 269XXX
Buona sera,
sono una donna di 43 anni e fino a questa estate non ho mai sofferto di nulla. Il 12 giugno 2012 sono stata operata di miomectomia all'ovaio sinistro: era un mioma di circa 5 cm con radici nell'intestino. L'analisi istologica è risultata negativa. Il 29 luglio 2012, dopo una copiosa cena con amici, ho cominciato a soffrire di un dolore al braccio sinistro e ho subito pensato ad un infarto. Sono stata al pronto soccorso e dopo avermi fatto l'elettrocardiogramma risultato negativo mi hanno detto che potevano essere dolori dovuti all'aria condizionata. E questo è stato l'inizio di un calvario che non mi ha fatto vivere un'estate tranquilla: dopo quel giorno sono tornata altre 2 volte al pronto soccorso dove hanno rifatto l'ecg e questa volta anche gli enzimi che sono risultati negativi.
Al ritorno dalle ferie ho voluto approfondire questi disturbi che non mi danno pace, che mi fanno svegliare nel cuore della notte tutta sudata, e ho fatto una visita cardiologica e un ecg sotto sforzo che sono risultati negativi. Il cardiologo mi ha suggerito una visita dal gastrenterologo il quale mi ha prescritto esopral e gastrotuss, e una dieta. Venerdi ho fatto la gastroscopia e tranne una gastrite pregressa non c'è niente tanto che il medico mi ha detto di non continuare la dieta. Ieri ho fatto un pranzo un pò più sostanzioso e riecco tutti i problemi: stanchezza, dolore al braccio sinistro fin sotto l'ascella. Ho paura che sia qualcosa legato al cuore e per giovedì ho prenotato un ecocardiogramma. Tutti i miei familiari pensano che sia un fattore "mentale", ma io prima di questa operazione, tranne qualche semplice raffreddore non avevo mai avuto nulla. Vi è la possibilità che la miomectomia abbia scompensato il cuore? Dimenticavo: l'operazione mi ha lasciato una sub lussazione mandibolare, può entrarci? Scusate la mia prolissità, ma ho cercato di descrivere tutti i simtomi!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
per come descrive il suo fastidio, esso non sembra affatto di natura cardiaca. Vista la sua esigenza di una certa tranquillità, effettui un test da sforzo.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 269XXX

Iscritto dal 2012
Ho già effettuato un ecgcon test da sforzo e il risultato è stato negativo. Ho dimenticato di dire che ho una certa acidità che continua anche dopo aver preso gli antireflusso. Grazie per la tempestiva risposta.