Utente 264XXX
Gentili Dottori, venerdi mia cognata, 30 anni, è stata sottoposta ad un intervento per la rimozione di un "polipetto" dal colon. Doveva essere un intervento a quanto semplice però da subito mia cognata ha iniziato ad accusare dolori all'addome. I medici le hanno spiegato che era gas e che dopo qualche ora sarebbe passato così hanno provveduto a dimetterla dopo circa un'ora di osservazione. Tornata a casa i dolori erano sempre presenti e via via più forti così ieri si è recata ad un controllo in altro ospedale in cui le è stato riscontrata una perforazione dell' intestino. E' stata ricoverata d'urgenza però non provvedono all'intervento perchè ritengono che l'intestino sia troppo delicato e si auspicano una rimarginazione naturale. In tutto ciò mia cognata non si alimenta con cibi solidi già da Mercoledi. Ora le hanno messo una flebo e le dicono di stare immobile nel letto e che decideranno nelle prossime ore il da farsi. Siamo davvero molto preoccupati perchè continua a lamentare forti dolori e non sappiamo se a questo punto sia il caso di provvedere subito all'intervento.
Nell'attesa di una Vostra gentile risposta salutiamo cordialmente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Mazzotta
20% attività
0% attualità
12% socialità
CAVALLINO (LE)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Gent. utente
una monovra endoscopica con polipectomia non è scevra da rischi emorraggici e/o perforativi. Questa seconda evenienza pare si sia verificata per sua cognata. l'atteggiamento prudenziale dei colleghi che la gestiscono non è da proscrivere, loro saranno i primi ad intervenire se le condizioni cliniche dovessero modificarsi.