Utente 266XXX
Gentili dottori,
prima di cominciare, vorrei ringraziare tutto lo staff del portale e soprattutto tutti i dottori che con grande disponibilità aiutano ogni giorno persone in difficoltà. A mio avviso questo portale è una delle risorse più importanti della sanità italiana e dovrebbe essere preso più in considerazione, soprattutto per quanto riguarda la divulgazione e l'informazione.

Ho già scritto tempo fa il mio problema, che si può riassumere in pene curvo congenito. Ho affrontato una visita andrologica (in realtà a fronte di un altro piccolo problema, risolto) con foto e l'andrologo mi ha riferito che non è strettamente necessaria una correzione chirurgica (come sospettavo), ma che bisogna comunque monitorare la situazione (a suo avviso ci sono casi in cui la curvatura si può accentuare).
Tuttavia il mio disagio interiore non è affatto diminuito, anzi, posso dire con certezza sia aumentato, aumentando di conseguenza tutte le insicurezze e i dubbi. Tormentato da tutto questo, non mi sono dato pace nel cercare su internet rassicurazioni su forma e dimensioni del pene e dopo tutto questo cercare forse ho capito che soffro di dismorfofobia verso il mio pene, o se non è cosi, ho comunque bisogno di aiuto. Ho solo 20 anni (da poco) e non sono pratico degli ambienti sanitari, è possibile trovare questo tipo di aiuto psicologico negli ospedali o nei consultori? vorrei se possibile fare tutto senza coinvolgere la mia famiglia per non dargli inutili preoccupazioni, quindi vorrei poter spendere il minimo possibile, da quel poco che so anche per i consultori pubblici è necessario pagare un ticket che è intorno ai 30€, è cosi o è errato? Sono di Roma, come faccio a trovare la sede più vicina per questo tipo di problemi?

Ora una curiosità, per togliermi tutti i dubbi riguardo una cosa: leggendo anche l'articolo del dott. Beretta (link:
http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html) non sono riuscito a capire quali siano effettivamente le dimensioni medie del pene italiano, in particolare la lunghezza e la circonferenza. Rientro comunque nei parametri della normalità (16-17 in lunghezza, 12-12.5 in circonferenza) e non ho intenzione di sottopormi a nessuna terapia di
ingrandimento, è solo un dubbio che penso nessuno meglio di voi esperti possa togliermi.

Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

le sue dimensioni sono sopra il dato medio e quindi dovrebbe stare "più che tranquillo", mentre per l'inciurvamento segua le indicazioni dello specialista che l'ha visitata e tenga monitorizzata la situazione.

La sanità pubblica è efficiente anche per le visite psicologiche e si paga un tichet che varia daregione a regione, ne parli eventualmente al suo medico che comunque deve informare per procedere alla visita presso una struttura pubblica.

Coprdiali saluti
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
[#3] dopo  


dal 2013
Grazie per le risposte,
le letture della Dott.sa mi hanno fatto capire che ho decisamente bisogno di un confronto con uno psicologo, quantomeno per capire se posso superare le mie paure da solo o se ho effettivamente bisogno di un percorso psicologico. Non sono mai stato educato alla sessualità (ne a scuola ne in famiglia) e l'unico canale di informazione (purtroppo negativo) è sempre stato internet... Inoltre queste mie ansie mi stanno bloccando a livello sia emotivo che "fisico", nel senso che non riesco ad avere una qualsivoglia relazione sentimentale con l'altro sesso, e purtroppo non sono omosessuale. Mi informerò al più presto sulle modalità di accesso ai consultori pubblici.
Grazie ancora.
[#4] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
prego e se servisse siamo a disposizione.