Utente 281XXX
Buonasera dottori.

Ho 26 anni, ed ho avuto 5 partner sessuali fino ad ora. Ognuna di esse durante la penetrazione "vigorosa" o comunque un po' più profonda ha sperimentato un dolore non indifferente. Premetto di avere delle misure nella media, quindi nulla di troppo grande.

A questo punto io mi chiedo se il loro dolore sia dovuto alla curvatura del mio pene.
Da metà asta in poi all'incirca curva verso sinistra di buoni 20 gradi e verso l'alto di altrettanti, circa 25 .
Ho letto su internet che al di sotto dei 30 gradi la si può ritenere una curvatura normale e che non dovrebbe dare problemi durante l'atto sessuale.

Non ho dolori.
L'erezione mi pare buona, ovvero inizialmente con glande abbastanza sgonfio e asta in erezione ma "morbida", poi molto turgida verso la fine del rapporto .

Da quello che mi ha detto un andrologo che mi ha visitato con membro a riposo, non ho la Peyrone ma una curvatura congenita. Mi feci visitare in quanto sia io che la mia compagna abbiamo notato, o creduto di notare, un'incremento della curvatura.

Onestamente non so dirvi se l'angolo è rimasto lo stesso negli anni o meno..
Non ho fatto ulteriori esami perchè non provo alcun dolore e il medico che mi aveva visitato si diceva sicuro al 100% della sua diagnosi.

Una curvatura simile di solito è da operare? credete che i dolori non abbiano a che vedere con questo aspetto del mio membro?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentmo utente

il consiglio è di farsi una fotografia con il pene in erezione, con le tre angolazioni (frontale, laterale,dall'alto) che serviranno in futuro per potersi confrontare, mentre per fare una diagnosi precisa oggi è necessario fare un'ecografia dinamica peniena sia per valutare l'integrità tissutale sia per avere un dato oggettivo su cui potersi confrontare in futuro.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Grazie Dr. Maretti.

Per quanto riguarda l'angolazione attuale della curvature invece cosa pensa? può essere la causa dei dolori o è improbabile?
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
da questa postazione non posso giudicare, "l'attore principale" è lei e se nota forte dolorabilità nelle partner, l'unica cosa è confrontarsi con lo specialista che valutata la sua situazione le darà le giuste indicazioni.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

una curvatura semplice o complessa (come da sua descrizione) dovrebbe essere valutata direttamente da un andrologo.
le autofotografie possono essere utili per una diagnosi di massima (le potrebbe inviare a uno specialista di sua fiducia) ma la possibilità di vedere direttamente il suo pene in erezione in corso di un esame ecocolordoppler è estremamente importante per una decisione eventualmente operatoria
cari saluti