Utente 281XXX
Salve sono un ragazzo di 24 anni e sono stato di recente da un urologo-andrologo. Mi sono recato dal medico perché in fase di erezione, pur non avendo grossi problemi a scoprire il glande, sento tirare nella zona del frenulo e il glande si incurva un po’ in basso; pertanto avevo il sospetto di avere un frenulo breve. La visita dall’andrologo ha confermato che trattasi di frenulo breve e anche di prepuzio un po’ abbondante (ma questa è una roba non preoccupante perché comunque il glande lo scopro e per ora non mi crea fastidi) e pertanto mi ha consigliato una frenuloplastica. Mi ha spiegato che trattasi di un veloce e facile intervento che vien fatto nel giro di poco e che il giorno dopo si può già tornare a lavoro, però io sono preoccupato soprattutto per il dopo, sia per il decorso post-operatorio in senso stretto, sia per il dopo in generale e pertanto vorrei porre qualche a domanda a cui spero qualcuno darà risposta:
1) Nei giorni successivi all’operazione bisogna astenersi da rapporti sessuali e questo non è un grosso problema; il fatto è che personalmente mi capita spesso di avere delle erezioni durante il giorno e di erezioni ne ho puntualmente ogni volta che dormo e quindi mi chiedo: come va a finire con i punti, o comunque anche con la ferita fresca una volta che i punti son caduti, se si ha un’erezione? Si possono creare sanguinamenti? Dolori? Danni alla zona operata? Ci sono sistemi per evitare queste cose?
2)So che dopo l’intervento bisogna usare dei detergenti/medicinali per medicare la zona operata anche più volte al giorno, come funzionano quelle medicazioni nello specifico? Chiedo perché faccio un lavoro all’esterno e per me sarebbe poco agevole dover medicare una ferita chirurgica ogni volta che si va in bagno, occorre farlo?
3)Dopo l’operazione di frenuloplastica ho letto che alcuni hanno riscontrato degli inestetismi nella zona operata (cicatrici) e che, inoltre, a seguito dell’intervento ci potrebbe essere un cambiamento a livello di sensazioni durante i rapporti; sono possibili queste due cose?
4)Dopo quanti giorni si può tornare ad avere un rapporto sessuale completo (senza profilattico) senza rischiare di arrecare danni ad una ferita troppo fresca? E per un rapporto sessuale con profilattico o per un’eventuale masturbazione occorre attendere lo stesso tempo che per un rapporto sessuale senza profilattico?
5)Una volta riacquisita la piena funzionalità del pene, si risolve completamente il discorso del “sentir tirare” nella zona del frenulo ed è vero che l’allungamento del frenulo può portare benefici sull’eiaculazione che purtroppo allo stato attuale è un po’ precoce?
6)Ci sono altri benefici o, per contro, altre complicazioni o “fastidi” post-operatori di cui non ho tenuto conto in questo messaggio?
Vi chiedo scusa per la grossa quantità di domande ma essendo una roba un po’ delicata, prima di farmi operare vorrei capire bene un po’ di robe. Grazie mille.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,provo a rispondere in maniera concisa :
1) Non esiste la possibilità di limitare le erezioni spontanee,diurne e notturne,ed è questo il motivo per cui,mediamente,necessitano 15-20 gg. per cicatrizzare.
2)E' sufficiente un pò di attenzione e limitarsi a detergere 2 volte al giorno la parte.
3)Gli inestetismi sono soggettivi e non esportabili a tutti gli interventi.Analogamente per le "sensazioni" che,però,in genere,sono favorevoli...
4)Il rapporto sessuale va espletato a cicatrizzazione avvenuta.Per la masturbazione...vada a sensazione.
5)La eiaculazione precoce è una delle indicazioni possibili per una frenuloplastica...
6)...in fondo l'intervento è banale..Estirpare un'unghia è più complesso....in bocca al lupo!
Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio per la risposta dr. Izzo e le chiedo alcune precisazioni:
- durante le erezioni i punti potrebbero far male giusto? In tal caso è possibile assumere farmaci antidolorifici?
- circa le cicatrici, le avevo chiesto perchè avevo letto in giro di gente che dice di aver cicatrici gonfie e robe simili che restano lì a vita, per cui le domando: effettivamente restano cicatrici visibili e se si, lasciano comunque un aspetto "normale" al pene?
- la sensazione di "tirare" sparisce del tutto dopo la frenuloplastica? e, altra roba che avevo letto in giro, che dopo la frenuloplastica, col discorso dei punti, si stringe un po' l'anello del prepuzio..è vero questo?
- è vero che si può lavorare già dal giorno dopo l'operazione?
Mi scuso ancora per le domande che forse sono banali, ma girando sui vari consulti e su altri siti internet si legge di punti che fanno male, di sanguinamenti, di bruciori e io che sono del tutto fuori dal campo medico e non so nulla sono un po' spaventato.
Saluti.
[#3] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
C'è qualcuno che gentilmente mi chiarisce i dubbi prima elencati? Grazie!
[#4] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Gentili dottori, in questi giorni sto continuando a documentarmi sulla frenuloplastica su decine di siti web. Su tanti forum si legge, oltre ai problemi dei primi 20 giorni successivi all'operazione (che sono comprensibili e se uno accetta di fare l'intervento deve metterli in preventivo e accettarli), di gente che dopo anche 2 o 3 mesi fa fatica a scoprire il glande in erezione perchè fa male o addirittura che durante i rapporti sessuali prova dolore o anche lacerazioni e sanguinamento. Ma è normale che queste cose possano accadere dopo 2 o 3 mesi, quando parlando con vari medici tutti dicono che dopo 30 giorni si dovrebbe poter tornare ad avere rapporti senza alcun problema e, anzi, stando meglio di prima perchè non si ha più il frenulo breve? Io la frenuloplastica, se fossi sicuro che dopo 20-30 giorni di disagi dovuti a punti e cicatrizzazione, non mi dà più fastidi e mi migliora la vita sessuale, la farei subito, ma con tutti questi problemi che leggo in giro, divento un po' restio. Prego qualcuno di rispondere perchè so che forse son dubbi di poco conto a cui voi andrologi avete risposto 1000 volte nella vostra carriera, ma per me è una roba "inedita", riguarda un organo molto delicato e sensibile e per cui sono veramente "nel pallone". Grazie e spero arrivi qualche risposta.
[#5] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Nessuno riesce a rispondere alle domande che ho posto? Chiedo scusa se insisto, ma qualche delucidazione mi sarebbe molto d'aiuto. Grazie.