Utente 281XXX
salve, io vorrei tanto operarmi per correggere la miopia... perchè sinceramente ho grossi problemi.... non so il termine giusto.. so' che me ne mancano 8 diotrie...
-8.adesso avevo sentito parlare di centri convenzionati che per i casi tipo il mio l intervento non è a pagamento..io all ' età di 13 anni ne ho fatto uno, con il laser per l astgmatismo..ma posso rientrare nei casi che posso usufruire delle convenzioni?grazie per l attenzione. cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Prenota una visita specialistica
Cara utente,

Per come è messa la Sanità Pubblica in Italia, è davvero difficile ottenere la possibilità di sottoporsi ad intervento di chirurgia refrattiva senza dare un sostanzioso contributo economico personale. Data la delicatezza dell'intervento, Le suggerirei di aspettare tempi più floridi per Lei (dal punto di vista economico), in modo da poter decidere con serenità il chirurgo che dovrà operarLa o la struttura sanitaria che Le sembra più affidabile.

Gli occhi sono un bene troppo prezioso per meritare una semplice scelta basata sull'offerta migliore, Le pare?

Le auguro una buona giornata,
AP
[#2] dopo  
Dr. Luigi Marino
56% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2004
qual'è la sua refrazione?


le allego un appunto
Oggi i laser ad eccimeri più tecnologicamente avanzati hanno raggiunto una precisione ed una sicurezza di livello straordinario nel campo della correzione chirurgica dei difetti visivi.
Utilizzando questa tecnica sofisticata viene cambiata la curvatura della cornea, in quantità tale da correggere il difetto, analogamente agli occhiali o alle lenti a contatto del paziente, riducendo così o addirittura eliminando una dipendenza a vita nei confronti delle lenti correttive.
Nel settore della cosidetta 'para-chirurgia', il bisturi viene sostituito dal laser, ovvero da una strumentazione altamente tecnologica che emette radiazioni collimate ad alta intensità (una sorta di 'concentrato di luce'). Il laser ad eccimeri, una radiazione fredda e invisibile di ultravioletto indirizzata e guidata sulla superficie corneale attraverso il controllo di un sistema computerizzato, permette la vaporizzazione istantanea del tessuto corneale da parte del raggio laser consentendo di riscolpire il profilo della cornea con una precisione micrometrica, correggendo così il difetto refrattivo. Per l'intervento al paziente viene installata soltanto qualche goccia di collirio anestetico; successivamente viene disteso sotto il microscopio del laser, viene applicato un divaricatore delle palpebre (blefarostato) e viene sottoposto alla rimozione dello strato di cellule più superficiale della sua cornea (epitelio). Viene quindi invitato a fissare una luce rossa di riferimento, mentre un dispsitivo computerizzato (eye tracker) controlla l'allineamento dell'occhio per la durata del trattamento. Alla fine della procedura l'occhio viene medicato con colliri antibiotici e antinfiammatori e si applica una lente a contatto morbida terapeutica. Viene consigliato un analgesico per combattere la sintomatologia infiammatoria: fastidio, fotofobia, lacrimazione, gonfiore palpebrale, sensazione di corpo estraneo nell'occhio. La lente a contatto terapeutica ha un esclusivo scopo protettivo e antidolorifico e, anche se può sembrare la causa dei disturbi non va mai rimossa su iniziativa del paziente, ma solo da parte del medico, in genere dopo 4/5 giorni. Si richiede buon senso nell'evitare ambienti potenzialmente dannosi (molto assolati, fumosi o polverosi), di portare l'occhiale da sole e di installare con regolarità i colliri. Nei primi 12/20 giorni può accadere che il paziente accusi dei disturbi nella visione per vicino. Tale complicanza è destinata a ridursi a poche giornate se il paziente si attiene scrupolosamente alle indicazioni post-operatorie del chirurgo.

La LASIK è una procedura che combina laser e chirurgia per la correzione dei difetti visivi, ideata dal Dr. Barraquer negli anni '60 che con le recenti innovazioni offre risultati decisamente positivi. Uno speciale strumento tagliente, il microcheratomo, effettua un sottile taglio circolare sulla cornea creando un lembo che viene sollevato; successivamente gli strati sottostanti vengono trattati con il laser ad eccimeri. Il tessuto sollevato viene poi rimesso in sede senza punti. Nei confronti della PRK, la LASIK presenta numerosi vantaggi: minor fastidio per il paziente, un recupero visivo più rapido e un risultato più stabile. I suoi inconvenienti sono legati al costo e alla complessità dell'esecuzione durante la fase del taglio. Al paziente, disteso sotto il microscopio del laser, viene installata qualche goccia di collirio anestetico e viene applicato un divaricatore palpebrale (blefarostato). Fissato l'occhio con un dispositivo a suzione, il chirurgo esegue la prima fase di taglio meccanico mediante il microcheratomo, ottenendo un lembo protettivo, agganciato superiormente; il lembo viene sollevato e il laser agisce nella profondità del tessuto corneale, mentre il paziente fissa una luce rossa di riferimento. Alla fine del trattamento la lamella corneale protettiva viene riposizionata, l'occhio viene medicato con colliri antibiotici e antinfiammatori e vengono applicate delle conchigliette protettive. Si consiglia l'assunzione di un analgesico nel caso di sensazioni fastidiose che in genere si manifestano nelle prime 2/3 ore. Si richiede di evitare attività fisiche impegnative per i primi giorni, gli ambienti molto assolati, fumosi o polverosi, di installare con regolarità i colliri.


La LASEK è un delle tecniche più recenti. Essa deriva dalla PRK ma comporta il mantenimento dell'integrità dell'epitelio corneale, con, in alcuni casi, una possibile riduzione del dolore post-operatorio. Durante il trattamento il chirurgo provvederà a creare un lembo epiteliale e quindi il laser agirà sullo stroma superficiale. Al termine del trattamento il lembo viene ridisteso sul tessuto corneale e protetto con una lente a contatto terapeutica.

[#3] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
salve, intanto ringrazio entrambi per le risposte.... poi, al dottor marino, volevo chiedere... scusandomi per la mia ignoranza che vuol dire refrazione? a me manca la miopia.... all incirca un meno 8 a destra e un meno 7.50 a sinistra.... mi scuso per i termini.. ma nn so come altro spiegarmi...
cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Antonio Pascotto
52% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2001
Sì, noi per "refrazione" intendiamo proprio la correzione da applicare agli occhiali (le diottrie, da qualcuno impropriamente definite "i gradi" di miopia o ipermetropia o astigmatismo) per poter ottenere la miglior visione possibile.

La Sua risposta, quindi, è pertinente e, comunque, non c'è proprio nulla di cui scusarsi! ;-)
[#5] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
ha bene... comunque... ritordando al discorso dei costi allora posso restare cecata.... proprio detto in parole povere....bhe' questo è lo stato italiano.....avevo dimenticato che solo chi ha soldi puo' curarsi....!!!