Utente 281XXX
salve sono un ragazzo di 18 anni e ho il problema di avere il pene curvo verso il basso, ho avuto un'esperienza sessuale e ho avuto difficoltà perché essendo storto usciva, premetto che la curvatura del pene ce l'ho dalla nascita, per il resto funziona tutto perfettamente e non sento nessun tipo di dolore. Leggendo gli articoli di altri utenti ho letto che è possibile inviare una foto per capire lo stato della curvatura e in che modo agire e vorrei sapere se è possibile farlo.
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Costantino Zamana
28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
La problematica dell'incurvamento ventrale da Lei esposta sicuramente merita attenzione.
Penso la cosa migliore sia Lei faccia delle foto dal davanti e dal lato del pene in erezioni e prenoti una visita con uno specialista a cui porti personalmente le foto così che si possa associare visita diretta con il pene in detumescenza a visione fotografica del pene in erezione.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
grazie di aver risposto così velocemente, volevo sapere se ci sono particolari esercizi per il raddrizzamento del pene che si possono svolgere ogni giorno, ho letto su internet che svolgendo questi esercizi in parte si raddrizzi dopo qualche settimana.
cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Costantino Zamana
28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Purtroppo no, direi che l'unico esercizio valido, se di pene curvo si tratta, è quello del chirurgo.
La problematica tecnica è ampia e non penso sia il caso di trattarla qui ma per farla breve l'incurvamento ha causa in una brevita anteriore, che sia dovuta ai corpi cavernosi, a corde fibrose- parauretrali ecc.
In sostanza c'è un pochino meno tessuto davanti che dietro. Non c'è modo di allungare questa parte nemmeno in chirurgia, tant'è che, salvo nel caso di una corda ventrale che tiene curvo come la corda di un arco, in tutti gli altri casi si vede ridurre un minimo la lunghezza posteriore per portare l'asta ad un raddrizzamento soddisfacente.
Dia retta, non faccia esercizi strani ma faccia una bella visita urologica che le leverà ansie, dubbi e le permetterà, se vorrà e se ci sarà necessità, di intraprendere il cammino chirurgico necessario
[#4] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
grazie per il tempo dedicatomi.
[#5] dopo  
Dr. Costantino Zamana
28% attività
0% attualità
12% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Non tema che tutto si risolvera' bene! Ci tenga aggiornati.Cordialita'