Utente 273XXX
Gentili medici, anzitutto complimenti per aver vinto il premio per miglior sito del 2012. E' meritatissimo.
Come suggerito dal Dr. Cecchini, ho eseguiti gli esami ematochimici per dare un senso alla mia ipertensione arteriosa (che a volte è ottima, altre altissima).
Per combattere l'ansia e l'innalzamento della pressione, assumo quotidianamente 10 gtt di bromazepam al mattino e alla sera. A volte, tuttavia, accuso un nodo alla gola improvviso, fame d'aria che poi scompaiono quando cerco di tenermi occupato.
Dagli esami del sangue è stato riscontrato un colesterolo HDL di 40, un colesterolo LDL di 112 ed un colesterolo totale di 168, con trigliceridi pari ad 80 e glicemia 90. Chiaramente il valore alto del colesterolo è dovuto ad una dieta di grassi che attualmente sto eliminando seguendo una dieta basata sui legumi, frutta e verdura.
Calando di peso (ho perso 15 kg da quando ho saputo di avere la pressione alta, ovvero dal 17 ottobre di quest'anno), tuttavia ci sono episodi in cui ho la pressione alta. Quando vado dal mio medico curante, la mia PA è sempre 160/80, mentre a casa, con il macchinario per la misura della PA (l'ho acquistato da braccio perché lo ritengono più affidabile) oscilla tra 110/75 e massimo i 135/85, fatto eccetto per casi in cui sono teso e/o nervoso a causa di diverbi con la mia ragazza che di certo non mi aiutano a rilassarmi e seguire bene la terapia di bromazepam. Ieri ho avuto delle vertigini mentre fumavo una sigaretta. Provando subito la pressione, era salita a 150/100. Dopo una doccia era scesa a 127/85. Andando dal mio curante per una misura più professionale della PA, mi è stata riscontrata una pressione di 160/80, per cui il mio medico mi ha prescritto le compresse di Triatec da assumere per 7 giorni (quindi metà confezione), continuando la dieta e continuando ad assumere le gocce di bromazepam).
Per quanto possa fidarmi del mio medico (che è un cardiologo), voglio chiedere anche a voi emeriti se tale prescrizione non sia troppo drastica per uno della mia età o se è la giusta terapia e se si può concludere una volta stabilizzata la PA e rientrando nel mio peso ottimale.
Inoltre, dagli esami ematochimici è stata riscontrata una transaminasi alanina (GPT/ALT) pari a 73.
Per quanto io possa essere obeso, fumatore occasionale e in famiglia abbia 4-5 casi di cardiopatia ischemica e ipertensione, è normale che a 23 anni possa avere un apparato cardiocircolatorio così compromesso? (anche se gli ECG risultano negativi).
Inoltre, siccome ormai ho paura che durante le scale (preferisco fare le scale che prendere l'ascensore, per una questione di esercizio), le palpitazioni (tipo sentire il cuore che pulsa nel petto) che ho quando arrivo al mio piano sono dovute all'ansia o è consigliabile un ecocuore per vedere se ho il cuore ingrossato? Perchè a volte, facendo le scale, ho delle extrasistoli (o soffio), vertigini, affanno, palpitazioni.
Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Perchè ritiene di avere un apparato cardiovascolare " cos' compromesso" ?...Mi sembra che le abbiamo già fornito indicazioni sulle presente cause deil riscontro occasionale di elevati valori pressori...certo oltre all'ansia anche il sovrappeso gioca il suo ruolo, ma mi sembra che per questo lei stia già facendo il possibile (è dimagrato a suo dire di ben 17 kg)...
Guardi continui così con la cura dell'ansia, il controllo del peso e quello alimentare (riducendo drasticamente il sale). Credo personalmente che la terapia prescritta (il Triatec) possa essere eccessiva, ma potrei sbagliarmi (il suo medico la conosce meglio di me).
Non mi sento di consigliarle altro
cordialità
[#2] dopo  
Utente 273XXX

Iscritto dal 2012
Grazie, Dr. Rillo.
Dopo 5 giorni con il dubbio di assumere il Triatec 5 mg o no, sono andato dal mio medico di base per un controllo professionale della pressione. Il lavoro della PA era 150/80, per cui mi ha imposto categoricamente di assumere il farmaco (rimproverandomi anche per a mia negligenza di non averlo assunto).
Ripeto, con il macchinario da braccio (Omron M6), in un ambiente più tranquillo, la mia PA va dai 115/75 mmHg ai 135/85 mmHg. Non sono un medico, ma credo che sarebbe stato più sensato consigliare di eseguire un Holter pressorio prima di prescrivere il Triatec.
Quando ero a Milano, il cardiologo del poliambulatorio, mi aveva suggerito di assumere il bromazepan o, se fosse restata altra, assumere il Lobivon. Quale dei due farmaci è migliore per un ragazzo di 23 anni?