Utente 274XXX
Salve a tutti e grazie in anticipo per la vostra disponibilità. Allora io circa un mese e mezzo fa, ho riportato una lesione totale del tendine estensore del secondo dito mano sx; sono andato all'ospedale, l'ortopedico mi ha controllato e mi è stata applicata una stecca di zimmel. Dopo tre giorni sono stato operato. Mi hanno applicato al tendine dei punti di microsutura e per richiudere la ferita altri punti di sutura di cui non ricordo il nome e mi è stata applicata la stecca di zimmel. La terapia è stata quella di tenere il dito immobilizzato per 3 settimane. Passate le tre settimane sono tornato per una visita ortopedica, in cui mi sono stati levati i punti e mi è stato detto di portare un tutore per il dito, di fare qualche seduta dal fisioterapista e di tornare per una visita di controllo dopo 15 giorni. Andando dal fisioterapista ho riscontrato un veloce miglioramento nella flessione del dito, ma un piccolissimo miglioramento nell'estenzione. Dopo una settimana di fisioterapia, il fisioterapista mi ha detto di togliere il tutore del tutto e di fare ogni tanto dei movimenti da lui prescritti. Passati i 15 giorni sono andato alla visita ortopedica e mi è stato detto che il dito non andava bene perché non si estende ed è anche molto gonfio, allora mi prescrive una ecografia per vedere se è tutto apposto.
Faccio l'ecografia e risulta che il tendine non presenta segni di discontinuità ma che il dito è molto infiammato nella zona dove è stato operato e che ci sono dei puntini bianchi che dovrebbero essere i punti di microsutura. Dopodiché sono andato di nuovo alla visita ortopedica da un altro ortopedico che mi dice anche lui che il dito è molto gonfio, mi fa notare la presenza di alcuni puntini neri sottocutanei e quindi di ritornare dai dottori ce mi hanno operato per chiedere a loro se le condizioni del dito sono normali o c'è qualcosa che non va. e questo era qualché giorno fa. Il problema è che in questo periodo è difficile trovare i dottori che mi hanno operato perché siamo sotto le feste. In fin dei conti io è un mese e mezzo che sono stato operato al tendine ed è ancora gonfio, non riesco ad estenderlo del tutto e mi fa dolore a fletterlo. Adesso sto facendo gli impacchi di acqua calda e sale grosso e sto facendo alcuni degli esercizzi che mi ha detto il fisioterapista. Adesso io volevo un vostro parere per sapere, se è normale che il dito sia così o se molto probabilmente c'è qualcosa da riaggiustare...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

stia tranquillo: non occorre prendere provvedimenti in questi giorni festivi.
Comunque stiano le cose, per il momento la "fase cicatriziale" post-operatoria non consiglia di prendere alcun provvedimento, anche nella peggiore delle ipotesi.

Una volta assestata la cicatrice (interna), cioè dopo le feste, si potrà fare un bilancio corretto.

La valutazione, a mio parere, non va fatta tanto ecograficamente ma clinicamente: se cioè il dito non si estenderà correttamente, vuol dire che la tenorrafia non ha tenuto a sufficienza.

Del resto, i tempi di guarigione di un tendine sono 6-7 settimane, non di meno: avendo lei mobilizzato molto prima di questo periodo, non sono in grado di dirle se le suture utilizzate consentivano tale precoce mobilizzazione oppure no.

Buona domenica.