Utente 222XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo omosessuale di 23 anni. Da circa 3 anni (cioè dai miei primi rapporti) noto un particolare fastidio durante i rapporti ricettivi: ho un forte stimolo di fare pipì.
Per questo motivo l'andrologo mi ha prescritto un'ecografia trans-rettale alla prostata che ho effettuato ieri. Il referto dice:

"Vescica non completamente distesa con lievi note diffuse d'ipertrofia detrusoriale aggetto prostatico endoluminale di media entità.
All'esame trans-rettale la ghiandola appare aumentata di volume circa 1,5 volte la norma, diametro di 24x43x48 mm, simmetrica, echi capsulari omogenei, nella norma le vescicole seminali, componente centrale di 21x37x41 mm, sclerosi calcifica tra componente centrale e periferica.

Esplorazione Rettale: Prostata aumentata di volume di circa 1,5 volte la norma con i caratteri dell'inizale ipertrofia, regolari i restanti caratteri.

Conclusioni: iniziale Ipertrofia prostatica."

Ora devo eseguire una Uroflussometria ed il PSA sierico fra un mese.
In più mi è stato prescritto Profluss (1 compressa al giorno).

Mi pare di capire che è una cosa alquanto infrequente, se non impossibile, avere una IPB alla mia età. L'urologo che mi ha fatto l'ecografia era alquanto indisponente a dare tante spiegazioni.
E' possibile che sia un'ipertrofia secondaria alla prostatite?? E' possibile eventualmente risolvere questa situazione o è destinata ad evolversi nel tempo??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
personalmente all sua età eseguirei un test di stamey (esame urine prima e dopo massaggio prostatico), per valutare cjhe quell' infgrossamento sia o meno di carattere infiammatorio, carattere suggerito dalla sua sintomatologia. Possibile una ipertrofia prostatica a 23 anni, ma improbabile.