Utente 266XXX
Gentili dottori buonasera,
sono a chiederVi un consulto per meglio orientarmi nella lettura dei valori indicati nello spermiogramma eseguito a circa otto mesi di distanza da un intervento di varicocele, premesso che ho 33 anni e in generali buone condizioni di salute.
Riporto i dati più significativi:
- numero per ml di eiaculato: 12,5
- motilità generale: 45% a 60'
- vitalità spermatica: 67%
- morfologia: 7% normali.
I restanti sono tutti negativi e soltanto il volume totale è inferiore al parametro di riferimento.

Cosa devo pensare, posto che al primo esame, eseguito prima dell'intervento tutti i valori erano inferiori, con, ad esempio, una quantità di 6,4 per ml, vitalità al 49 % e 0% di normalità nella morfologia?

Potranno migliorare ancora, premettendo che al momento non mi è stato prescritto nessun integratore, come prospettato dallo specialista in sede di consulto?

Grazie per la cortese attenzione.

ps: un ultimo dato che ha attirato la mia curiosità: le cellule spermatogeniche sono indicate al 5%, cosa significa e cosa sono?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
miglioramenti se ne attendono entro un anno, per cui vi è spazio di miglioramento. Le cellule spermatogenetiche, sono spermatozoi immaturi indicanti la fatica a produrne. Per fortuuna che non le è stato prescritto ingratore alcuno:
http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/912-integratori-alimentari-farmaci-naturali-nutraceutici-andrologia.html
[#2] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Gent.mo Dott.,
in primis La ringrazio per la celerità nella risposta e per il contenuto della stessa.

Ho letto quanto indicato nell'articolo di cui al link e quindi, se ho ben capito, un ricorso a formule di integratori sarebbe quanto meno sconsigliato; lo terrò presente per il futuro, magari approfondendo l'argomento se in sede di visita specialistica dovesse emergere.

Una situazione come quella che ho indicato come potrebbe essere valutata?
Fermo che i miglioramenti son sempre auspicabili, si può ritenere accettabile in termini di fertilità, ben sapendo che a "certi risultati", di cui per altro adesso non vi è necessità, si concorre in due e i dati strettamente intesi possono dir poco?

Anche perchè per il resto penso di potermi ritenere soddisfatto dell'intervento, con minor senso di pesantezza alla zona, maggior sensazione di benessere e soltanto qualche piccolo fastidio.

Grazie ancora per la cortesia.

ps: l'alimentazione, invece, può dare una mano?

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Bisogna vedere i valori di partenza per essere precisi, ma sono ancira pochetti. Dieta mediterranea, innanzitutto.
[#4] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Le riporto di seguito i valori dei tre spermiogramma che ho eseguito fino ad ora, per meglio integrare la domanda di cui alla mia ultima, sulla valutazione complessiva:

1° esame (luglio 2011):
- volume 1,5 ml
- ph 7,4
- concentrazione: 6,400 milioni/ml - 9,6 milioni per eiaculato
- motilità progressiva 31%
- motilità non progressiva 15%
- morfologia: normali 4%
- vitalità spermatica: 49%

2° esame (ottobre 2011)
- volume 2,4 ml
- ph 7,6
- concentrazione: 11,300 milioni/ml - 27,120 milioni per eiaculato
- motilità progressiva: 22%
- motilità non progressiva: 18%
- morfologia: normali 0%
- vitalità spermatica: 72%

3° esame (dicembre 2012, a distanza di 8 mesi dall'intervento)
- volume: 1,4
- ph 7,8
- concentrazione: 12 milioni/ml - 16,80 milioni per eiaculato
- motilità progressiva: 30%
- motilità non progressiva: 15%
- morfologia: normali 7%
- vitalità spermatica: 67%

Preciso che la raccolta, in tutti e 3 i casi, non è mai avvenuta in laboratorio, ma a casa e portato entro 30 minuti.

Su quanto indicato nei valori, si possono fare considerazioni più precise? Il test dopo l'intervento è stato fatto troppo presto e quindi può essere consigliabile ripeterlo, magari aspettando che sia trascorso 1 anno e comunque ci sono margini di miglioramento?

Grazie ancora per la cortesia, se servono altri dati li fornisco senza indugi.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
"Preciso che la raccolta, in tutti e 3 i casi, non è mai avvenuta in laboratorio, ma a casa e portato entro 30 minuti".
Cara signora,
vede questo è quello che non dovrebbe più succedere: lo spermiogramma va fatto sul posto e processato immediatamente. In altro modo è difficile, per non dire impossibile, dare parere azzeccato.

[#6] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Capisco e ad ulteriore precisazione riporto che vi è stato il tentativo di raccolta presso il laboratorio, ma i locali e/o l'ambiente non hanno mai permesso di trovare la giusta concentrazione; sarà tenuto presente quanto sopra agli eventuali prossimi controlli.

Per meglio capire formulo altro quesito: la raccolta fuori dal laboratorio quindi comporta un'alterazione del campione, ma quest'alterazione è da intendersi in senso prettamente negativo? I valori risultano alterati in senso peggiorativo rispetto a quello che potrebbe essere?

Grazie ancora per la cortesia e la dovizia nelle risposte.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Il campione va incubato immediatamente a 37°C per un' ora e poi per una seconda ora per leggere motilità. A bassa temperatura come di questi tempi, bene che vada sono lenti e poi muoiono e se contano di meno. Si possono usare per stimolare erezione sildenafil, vardenafil o tadalafil assunti una o due ore prima.
[#8] dopo  
Utente 266XXX

Iscritto dal 2012
Il problema non era stato l'erezione, quanto mantenere la giusta concentrazione per raggiungere l'eiaculazione.
Comunque cercherò di fare il possibile nell'eventuale nuovo esame, in modo da avere un risultato il più reale possibile, visto che, se ho ben capito, la situazione così non è chiara e potrebbe essere anche migliore di quanto appaia e la cosa mi farebbe molto piacere.
La ringrazio di nuovo e Le invio i miei migliori saluti.
[#9] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Appunto che potrebbero essere benm migliori. Prenda magari d' accordo col collega che la segue, una pastiglia di Viagra, O di cialis O di levitra, che aiutano erezione.