Utente 282XXX
salve mi chiamo stefania ho 21 anni.sono in cura da un anno circa per risolvere il morso aperto..l'idea iniziale era quella di risolvere il tutto con trattamento ortodontico della durata di due anni e chirurgia maxillo facciale (anche se il mio ortodontista mi aveva caldamente sconsigliato questa via -il morso aperto è leggerissimo,e il mio viso non ha deformazioni, è solo un po' allungato). Io ero motivata e volevo sottopormi all'intervento per risolvere definitivamente il problema (so che la soluzione alternativa,ovvero la chiusura del morso con la sola ortodonzia è soggetta a recidive)..ma a un anno dall'inizio del trattamento in preparazione dell'intervento,la situazione è migliorata,il morso aperto è ancora meno visibile(non più di un millimetro),e ho fatto una visita da un altro specialista,per avere un altro parere, e anche lui mi ha sconsigliato la chirurgia..ora l'idea sarebbe quindi quella di arrivare a un compromesso con l'utilizzo di elastici in supporto all'apparecchio,e questo chiuderebbe il morso..ora volevo chiedere se anche secondo voi questa è la strada giusta da intraprendere..ma quando si cerca di risolvere un problema non è meglio risolverlo completamente anzichè solo in apparenza? ora non dovermi più sottoporre all'intervento un po' mi solleva (ero un po' spaventata dai rischi e,visto che il mio ortodontista dice che in maxillofacciale un caso come il mio difficilmente sarebbe stato accettato o comunque la lista d'attesa sarebbe stata lunghissima,il costo dell'intervento privato sarebbe stato piuttosto elevato),ma sono ancora comunque in dubbio di non aver fatto la scelta giusta. chiedo scusa per la lunghezza della domanda e vi ringrazio in anticipo per le risposte!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
16% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
In ortodonzia cercare una strada di compromesso non è un errore,quando l'indirizzo terapeutico è concordato con il paziente e quando si chiariscee l'obbiettivo parziale di risultato in fase di programmazione.