Utente 283XXX
Buongiorno,
in breve il mio problema è questo: sin da quando ero più piccolo, ho avuto questo problema al glande, una così forte sensibilità da non permettermi di toccarlo senza provare un forte dolore (tanto da non riuscire ad avere una vita sessuale soddisfacente).

Premetto di essermi già fatto visitare, alcuni anni fa, da un urologo e da un andrologo che però affermavano di non aver mai sentito di un problema simile (nonostante io abbia notato, navigando in internet, che è un problema piuttosto diffuso), e che non notavano alcun segno di infiammazione sul glande, ergo non avevano spiegazioni.

Il suddetto andrologo notò solamente che avevo il frenulo corto, che effettivamente mi impediva si scoprire completamente il glande, ma dopo l'operazione, a distanza di anni il problema persiste; mi fu anche consigliata una pomata anestetica, che però non aveva alcun effetto se non quello di ridurre la sensibilità al momento.

L'unico suggerimento che ho potuto ottenere navigando in internet, è quello di cercare di tenere sempre il glande scoperto (è mia abitudine tenerlo sempre coperto, anche durante la masturbazione), ma dopo un po' la pelle automaticamente lo ricopre, e il dolore quando lo tocco è sempre lo stesso.

Come fare?

P.S. Soltanto quando il pene è in erezione, ho una leggerissima difficoltà a scoprirlo del tutto, poiché la pelle è un po' "stretta", ma alla fine riesco comunque a scoprirlo anche se non costretto ad esercitare un po' di forza. Quando il pene non è eretto non ho alcun problema.
È rilevante?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

la situazione che ci racconta è abbastanza frequente, infatti nei soggetti dove vi è una difficoltà a scoprire il galnde lo stesso rimane ipersensibile al solo tatto. Da quello che ci descrive sembrerebbe essere presente una fimosi non serrata che ovviamente non permette al glande di scoprirsi completamente con tutti i risvolti del caso. Il consiglio è quello di procedere per una visita specialistica per valutare se intervenire sulla fimosi e quindi migliorare nel tempo e progressivamente la situazione di ipersensibilità al glande.

un cordiale saluto