Utente 644XXX
Gentile Professore, ho 59 anni. Ho subito l'innesto valvola cardiaca carbomedic in data dicembre1998. Durante l'operazione mi é stato riscontrato un aneurisma aortico di 5cm. Il chirugo mi ha detto che non vi erano indicazioni mediche per riparare l'aneurisma. A tutt'oggi, aprile 2008, non ho mai avuto disturbo alcuno; non faccio un lavoro pesante e mi sento benissimo fisicamente. La mia domanda é questa; la sera faccio una mezza oretta di crosstrainer e poi sollevamento pesi di 15 chili, pesi che richiedono un piccolo sforzo di braccia; sbaglio a fare questa ginnastica che in tutto dura piú o meno un'oretta? Puó avere lo sforzo di sollevamento dei pesi influenza nella dilatazione dell'aneurisma?

La ringrazio infinitamente.

Cordiali saluti.
Antonio M. Logani/NL

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Simone Carulli
24% attività
4% attualità
8% socialità
TREVIGLIO (BG)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2008
Premesso che un esercizio moderato non dovrebbe causarle nessun problema, controllerei lo stato attuale dell'aneurisma perchè se dal '98 ad oggi non ha effettuato controlli le dimensioni ed il rischio connesso potrebbero essere cambiati.
Potrebbe eseguire una TAC TORACE con mdc se non ha delle controindicazioni specifiche.
Buona giornata
[#2] dopo  
Utente 644XXX

Iscritto dal 2008
Grazie Dottor Cerulli per la celere e cortese risposta.

É bello sentire una seconda opinione, questo non perché non c'é fiducia nel proprio medico, ma soltanto perché "sentire due campane che suonano la stessa sinfonia in perfetta simbiosi" e senza speculazione alcuna, tranquillizza la persona non facendola trovare in stato confusionale per colpa di due differenti stonature.

Si, mi visito una volta l'anno e ultimamente mi é stato detto che l'aneurisma si era ristretto di due millimetri, quindi notizia positiva.

Magari se anche i politici interagiressero con i citatdini cosí onestamente come voi medici.

Grazie ancora.

Antonio M. Logani/NL