Utente 283XXX
Salve, ho 26 anni e da quasi due anni soffro di acne nodulo cistica
Dopo aver fatto diversi accertamenti nel periodo novembre/dicembre 2011, quali dosaggi ormonali ed ecografia pelvica,dai quali è risultato essere tutto nella norma, ho consultato un nuovo dermatologo che mi ha prescritto un ciclo di 6 mesi di Isotretinoina.(30 mg/die;peso corporeo 47kg;inizio terapia:dicembre 2012).
Il nuovo dermatologo, uno specialista estremamente scrupoloso e dall'indubbia professionalità, mi ha detto che la causa dell'acne in età adulta è da ricercare in uno scompenso ormonale e/o nella sindrome di ovaio policistico di cui pensa che io soffra; al termine della terapia con Isotretinoina mi prescriverà i dosaggi ormonali e di conseguenza una pillola anticoncezionale come terapia di mantenimento.
Pertanto volevo sottoporre alla Vostra attenzione le seguenti domande:
- E' possibile che i dosaggi ormonali effettuati quasi un anno fa(nelle 4 fasi del ciclo mestruale) abbiano dato esiti falsati(nonostante non assumessi pillola contraccettiva durante i prelievi) e che dall'ecografia pelvica non si sia riscontrato un ovaio policistico?
- Ci sono altri esami in grado di rivelare tali patologie?
-Durante la terapia con Isotretinoina è possibile ricorrere all'uso di fondotinta/correttori(se sì,in quale formulazione) o si preferisce una cipria colorata per non occludere i pori?

RingraziandoVi per l'attenzione prestata porgo cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Gentilissima,

Mi pare che lei sia ben seguita, ma la domanda d'obbligo e' questa: lei NON sta attualmente effettuando una terapia anticoncezionale?
Durante l'utilizzo del l'isotretinoina nelle donne, questa e' d'obbligo.
Torni in caso di non assunzione, subito dal suo dermatologo e chiarisca con lui questo aspetti, sebbene sono certa che lei abbia già firmato il consenso informato al trattamento previsto per questo farmaco importante ed altamente indicato in questa patologia, ma teratogeno.

Carissimi saluti
[#2] dopo  
283871

dal 2014
Gentilissima Dr.ssa Suetti,

la ringrazio per l'attenzione prestata.
Naturalmente il mio dermatologo mi ha informata di tutti i rischi connessi all'assunzione di questo farmaco teratogeno e comunque assumevo la pillola anticoncezionale da prima di iniziare la terapia.Il mio dubbio è:dato che il mio dermatologo attribuisce la causa della mia acne alla sindrome dell' ovaio policistico e/o ad uno scompenso ormonale e considerando che l'anno scorso ho fatto sia i dosaggi ormonali che un'ecografia pelvica che hanno escluso queste patologie, ci sono altri esami diagnostici che rivelano tali patologie?
E' possibile applicare fondotinta/correttore durante la terapia?Se sì in quale formulazione?
Grazie per l'attenzione prestata.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Bene.
Gi esami prescritti sono assolutamente sufficienti
E' possibilissimo effettuare tecniche di camouflage delle lesioni ricorrendo ad ottimi prodotti Cosmeceutici formulati appositamente per l'acne: ne parli con il suo dermatologo.

Ancora saluti
[#4] dopo  
283871

dal 2014
Grazie!
Il mio dermatologo mi ha prescritto una cipria colorata correttiva che però, in questa fase iniziale di terapia caratterizzato da un netto peggioramento dell'acne, non è assolutamente sufficiente a correggere le lesioni.
Un'ultima cosa: finora mi è stata prescritta l'ecografia pelvica. Crede che sarebbe stato opportuno al fine di diagnosticare l'ovaio policistico una ecografia transvaginale?

Ringraziandola nuovamente per la cortesia e la professionalità dimostrata porgo cordiali saluti.
[#5] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Transvaginale assolutamente!
per quanto riguarda il camouflage, sappia che ad oggi le tecniche sono molto avanzate ed i prodotti sono molti di più che solo ciprie o fondotinta, pertanto torni a chiarirsi con il collega vedrai che avrà soddisfazione!
[#6] dopo  
283871

dal 2014
Grazie ancora!

Saluti.
[#7] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Saluti a lei
[#8] dopo  
283871

dal 2014
Approfitto di questo consulto per porVi una nuova domanda inerente sempre al medesimo argomento: la mia terapia con Isotretinoina.
Oggi - a distanza di un mese dall'inizio della cura- sono stata dal dermatologo per il consueto consulto:lo specialista mi ha aumentato la dose giornaliera da 30 mg a 40 mg. Volevo chiedere se questo schema posologico è da considerarsi una prassi abituale VISTO E CONSIDERARATO CHE DAL PRIMO MESE DI CURA AD OGGI IL MIO PESO CORPOREO E' PASSATO DA 47 KG A 49 KG.
40 mg /die di Isotretinoina per un peso di 49 kg è una dose eccessiva?
Per quanto riguarda la tecnica del camouflage dermatologico, il dermatologo mi ha perentoriamente sconsigliato l'utilizzo di correttori o fondotinta per coprire i brufoliVi chiedo pertanto di indicarmi la tipologia di prodotti che si possono utilizzare durante questa terapia che posso acquistare in farmacia.
Grazie,saluti.
[#9] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Carissima,

comprenderà che non è opportuno né utile per lei porre dei giudizi sulla posologia di una terapia imposta da un collega.
Per ciò che riguarda il camouflage invece, è necessario considerare che in virtù dell'altissimo impatto psicologico su una persona, questo rientra nella terapia di base, non essendo solo un vezzo.

Pertanto pur non potendo dare informazioni su un caso che non conosco, continuo a sottoscrivere e consigliare il camoulfage dermocosmetico adatto in una paziente acneica che lo richiede.

carissimi saluti
[#10] dopo  
283871

dal 2014
Gentile Dott. ssa Suetti,

non era mia intenzione porre dei giudizi sulla posologia imposta dal mio dermatologo nè tantomeno dubitare della sua professionalità, quanto, piuttosto, sondare se tale impostazione e schema posologico fosse condiviso da altri specialisti, come Lei, che magari prescrivono la medesima terapia. Dato che si tratta di una cura estremamente delicata, mi sembrava opportuno sondare diversi pareri.Sono inoltre consapevole che solo la visita ed il contatto diretto forniscono gli strumenti necessari per valutare e stabilire gli approcci terapeutici più adatti, caso per caso.Per quanto riguarda il camouflage dermocosmetico, purtroppo, non ho trovato nel mio dermatologo la Sua stessa compresione e attualmente non saprei proprio a quale altro specialista rivolgermi.Potrei provare a recarmi in farmacia e chiedere parere al farmacista, quantunque credo che quest'ultimo, a parte consigliarmi un prodotto piuttoso che un altro, possa fare ben poco.
RingraziandoLa per la Sua professionalità e disponibilità, porgo cordiali saluti.
[#11] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Credo che chiedere al farmacista delle linee di prodotti cosmeceutici per il camouflage utili per le pelli acneiche (non stiamo parlando di farmaci) non mi sembra un reato..;) ovviamente lungi da me da contraddire un mio collega che meglio di me conosce il caso, vedendolo direttamente. Personalmente ribadisco che occupandomi di acne femminile e conoscendo bene il disagio che provoca, consiglio sempre un ottimo camouflage (di marche ce ne sono molte e alcune di queste validissime e non comedogeniche quindi il problema dell'occlusione, che credo spaventi il collega non dovrebbe porsi)

saluti carissimi a lei!
[#12] dopo  
283871

dal 2014
Sì, effettivamente il timore del mio dermatologo riguarda proprio il problema dell'occlusione dei pori.Sostiene che per non vanificare i benefici della terapia dovrei applicare solo una cipria correttiva, che però di correttivo ha ben poco!La ringrazio ancora per l'utilissimo consulto.
Saluti
[#13] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Beh, le ciprie se vogliamo sono proprio i prodotti più comedogenici di tutti..a meno che non si tratti di particolari prodotti come quelli che le ho anticipato e che potrà agevolmente reperire; ovviamente il miglior consiglio è quello di seguire i dettami del suo dermatologo, come sempre.

saluti cari
[#14] dopo  
283871

dal 2014
Gentile Dott. ssa Suetti,
Le confesso che sono alquanto disorientata: non so se rassegnarmi e per ora tenermi questi anestetici segni rossi sul viso- seguendo così le direttive del mio dermatologo- oppure chiedere consiglio al farmacista e quindi praticare una sorta di "fai-da-te" acquistando prodotti per il camouflage.
Le farò sapere.
Grazie!
Cari saluti.
[#15] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Va bene attendo ciò che deciderà! carissimi saluti
[#16] dopo  
283871

dal 2014
Gentile Dott. ssa Suetti

Ho consultato diverse farmacie e purtroppo devo dire che ho ancora molti dubbi. Premetto che la tecnica del camouflage dermatologico non è ancora molto conosciuta per cui non mi sono state fornite le dovute delucidazioni in merito ai prodotti da utilizzare. Tuttavia mi è stata consigliata una crema idratante colorata di una nota azienda di dermocosmesi francese, che risulterebbe più indicata nel mio caso poichè più "leggera" e meno comedogenica rispetto ad un normale fondotinta.
Secondo il Suo parere questa crema colorata rappresenterebbe una valida soluzione per camuffare gli inestetismi facendo respirare la pelle?Capisco che non è possibile nominare marchi commerciali però avrei veramente bisogno di reperire informazioni circa la tipologia dei prodotti che normalmente vengono utilizzati per il camouflage.
Grazie, cordiali saluti.