Utente 514XXX
ho 39 anni e mi sembra che tutto stia cadendo a pezzi. continuo a combinare disastri su disastri e ormai da anni non riesco ad avere una relazione stabile. sono convinta di aver bisogno di un supporto psicologico, ma ho provato a telefonare a strutture pubbliche della zona (non posso permettermi una terapia continuativa) senza esito. nessuno poteva garantirmi assistenza, e meno che meno nessuno riceveva in orari per me possibili. abito nella zona busto arsizio, gallarate. qualcuno sa consigliarmi qualcosa.... sono davvero in grossa difficoltà. grazie
[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
52% attività
20% attualità
20% socialità
ATRIPALDA (AV)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

se i servizi pubblici non hanno il tipo di servizio richiesto necessariamente deve rivolgersi ad uno specialista privato.
Provi almeno pero a fare una prima visita almeno per una valutazione iniziale e poi farsi indirizzare
[#2] dopo  
Utente 514XXX

Iscritto dal 2007
ho già provato con un paio di specialisti privati. un paio di anni fa ho fatto alcune sedute da una psicoterapeuta che ho dovuto interrompere. lo scorso anno ho provato con uno psichiatra che mi ha anche prescritto una serie di farmaci (dalmadorm, xanax e cipralex). purtroppo ho dovuto interrompere anche questa terapia. sappiamo che per essere efficaci queste terapie hanno bisogno di tempo e quindi anche dal punto di vista economico sono impegnative. orami sono un po' di anni che non riesco ad uscire da questo disagio che forse è diventato vera e propria "paura", e ultimamente ho dei comportamenti che non mi appartengono, faccio cose assurde di cui poi mi pento amaramente. nel frattempo i miei rapporti interpersonali sono precipitati. per questo dico di aver bisogno di aiuto, non mi reputo sciocca e so che da sola non posso farcela... ma come fare?
[#3] dopo  
Dr. Giuseppe Nicolazzo
28% attività
0% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
può rivolgersi al Centro Psico Sociale della sua zona ( servizio pubblico ), il suo medico curante saprà indirizzarla, il Cipralex è un farmaco dispensato dal SSN, in classe A per determinate indicazioni.

Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Dr.ssa Maria Francesca Basoni
20% attività
0% attualità
12% socialità
()
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Genile utente,

so per certo ce il C.P.S. di Saronno (VA) fa capo all'A.O. di Busto Arsizio e ritengo possa offrirle il tipo di supporto da lei richiesto: vi operano infatti diversi psicologi e psicoterapeuti. Può accedere liberamente o con un'impegantiva del suo medico di base: per usufruire dei colloqui si paga il ticket.
Visto il bisono espresso mi semra utile per lei in questo momento iniziare dei colloqui di valutazione che potrebbero poi trasformarsi in una terapia vera e propria: un cps può fornire anche il supporto psichiatrico oltre a quello psicologico, per un'eventuale sostegno farmacologico da abbinare ai colloqi.
A fronte di quanto ci racconta e delle preoccupazioni rispetto a comportamenti che sente non appartenerle, direi che sarebbe importante ora dare ascolto a queste manifestazionoi e dare una risposta concreta al suo bisogno di essere aiutata. Pima che la "paura" prenda il sopravvento. Ci sono momenti della vita in cui sicuramente è più difficile affrontare gli altri e forse anche se stessi, ma se prontamente si riconosce questo, come ha fatto lei, può essere una uona spinta a risalire la china.
cordialmente

Maria Francesca Basoni

[#5] dopo  
Dr. Vassilis Martiadis
56% attività
8% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
I centri di salute mentale offrono prestazioni psichiatriche e psicoterapiche in regime di convenzione con il ssn.
si rivlolga al CSM della sua zona per chiedere aiuto. Troverà sicuramente risposta.
cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 514XXX

Iscritto dal 2007
mi sono rivolta sia al CPS della mia città che al consultorio. purtroppo nessuno dei due ha saputo aiutarmi. il primo mi ha risposto che da loro trattano solo casi più gravi (schizofrenia, psicosi...) e non è sicuramente il mio caso. il secondo proprio stamattina mi ha risposto che trattano esclusivamente problemi familiari, si occupano di maternità e tutto quanto annesso, ma non di problemi relazionali. quindi l'unica alternativa che mi rimane è quella di rivolgermi al privato... forse in italia su queste cose abbiamo ancora da imparare. grazie a tutti voi per le risposte.
[#7] dopo  
Dr.ssa Ilenia Sussarellu
40% attività
4% attualità
16% socialità
CREMA (CR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
posso immaginare quanto sia frustrante sperimentare personalmente l'inefficenza del nostro SSN.
Purtroppo se l'unica via da percorrere rimane quella privata allora le consiglio di cercare un terapeuta della sua zona che pratichi la psicoterapia breve o quella strategica. Credo comunque che sia meglio effettuare un approfondimento psichiatrico in modo da assicurarsi una base stabile da cui far partire qualsiasi lavoro psicoterapico.
Cordialmente
[#8] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
4% attualità
20% socialità
CREMA (CR)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
non ho capito però perchè escludere a priori un supporto psicologico privato. Nulla le vieta di fare un "giro di telefonate" per raccogliere informazioni su tempi, modi e costi, anche perchè non è vero che tutti i professionisti della salute psicologica hanno costi irraggiungibili

E se invece lei avesse già in mente uno specialista provi anche a "negoziare", ad esempio, sulla frequenza dei vostri incontri, in modo da non gravare troppo sul budget mensile

Io le posso consigliare di scegliere dei terapeuti giovani, che all'inizio della carriera hanno entusiasmo da vendere e voglia di crescere, elementi che potrebbero essere favorevoli ad una soluzione in questo senso

Almeno in prima battuta è una strada che proverei a percorrere