Utente 418XXX
Buongiorno e grazie per la cortese attenzione. Sono un uomo di 40 anni che sino ad una settimana fà non ha avuto alcun problema di grossa rilevanza. Improvvisamente si sono manifestati alcuni isolati episodi di minzione frequente (anche notturna) seguite da una fastidiosa mancanza di erezione mattutina. La mancanza di erezione mi sta provocando parecchia ansia, tanto da riuscire a monitorare l'erezioni notturne (credo assenti) e quelle al risveglio (al momento quasi ogni mattina assenti). Ieri ho fatto una visita presso uno specialista, che dopo un dopler con liquido di contrasto, ha diagnosticato un normale afflusso di sangue al pene, ma un deflusso troppo veloce. Non so spiegare in termini tecnici, ma mi ha fatto capire che il sangue va via dal pene cosi' in fretta da non poter avere l'erezioni. Mi ha prescritto una serie di compresse da prendere una al di per 90 gg (tra queste il levitra) . Tra le altre cose, ha fatto una ispezione prostatica (della durata si e no di 10 secondi) dalla quale ha diagnosticato un ingrossamento della prostata. Purtroppo la cura non e' alla mia portata economica, tra le altre cose, non riesco proprio a credere che un problema vascolare, si sviluppi e crei questo deficit nel breve arco di una settimana. Penso invece che il mio principale problema sia psicologico, in quanto ormai sto 20 ore su 24 a macinarci su con la testa. Avreste qualche consiglio da darmi ? Come valutate l'operato dello specialista che mi ha visitato ?
Scusate per la lunghezza e grazie per la cortese attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
non scopo di qs sito valutare l'operato di colleghi che oltretutto più di noi conoscono la sua situazione avendo il vantaggio di averLa visitata.
La sua ipotesi è certamente valida ma ne parli con chi la ha in cura evitando fastidiose confusioni.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 418XXX

Iscritto dal 2007
Cercavo solo di capire se con un'ispezione prostatica di neanche 10 secondi ci si potesse accorgere della prostata ingrossata e che fosse bimodale (mi pare abbia detto) o se magari il medico abbia deciso che l'unica causa del mio deficit fosse vascolare eseguendo così un ispezione un po frettolosa.
Inoltre l'iniezione con il farmaco che iduce l'erezione non ha avuto la sua efficacia.
grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Preciso che l'infrossamento prostatico poco o nulla a che vedere con la disfunzione erettile.
Se la puntura è stata eseguita correttamente sui corpi cavernosi e a dose giusta, in effetti la mancanza di erezione può essere indice di insufficienza vascolare o meglio come Le è stato spiegato dal collega di una fuga venosa.
Un esame doppler potrebbe essere una ulteriore prova.
Cordialmente
[#4] dopo  
Utente 418XXX

Iscritto dal 2007
che genere di esame doppler doveri fare ? Io pensavo che quello fattom dal medico fosse giá un doppler.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sull'ecocolordoppler dinamico da fare a livello delle arterie peniene, se desidera poi avere più informazioni dettagliate, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1234-nuove-terapie-emergenti-trattamento-disfunzione-erettile-de.html .

Un cordiale saluto.