Utente 276XXX
Buongiorno, mio marito qualche giorno fa ha avuto uno svenimento che è durato pochissimi secondi, quando si è ripreso non ricordava cosa fosse successo ma ea perfettamente cosciente del luogo in cui si trovava. Questo è successo dopo aver urinato, si trovava in piedi e quando è rinvenuto si è trovato in ginocchio.
Ieri siamo andati dal nostro medico curante e ha detto che molto probabilmente si è trattata di una crisi vagale, ha prescritto i soliti esami di routine e anche una visita cardiologica. Sono un pò preoccupata perchè il fratello di mio marito è deceduto a seguito di un infarto e solo dopo il suo decesso abbiamo saputo che ogni tanto aveva dei svenimenti. Lo scorso anno mio marito si è sottoposto a visita cardiologica e il cardiolgo non ha evidenziato nulla di anomalo, ma adesso sono un pò preoccupata,è la seconda volta che ha questo svenimento, la prima èavvenuta circa sei-sette mesi fa. Devo preoccuparmi? Cosa possono comportare queste crisi? A quali rischi può andare incontro mio marito?
Grazie anticipatamente per la Vostra risposta.
Buona giornata

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
16% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Se in entrambi i casi lo svenimento è avvenuto mentre era in piedi ( e se prima di svenire ha avvertito un malessere), o se ha avuto in altre occasioni la sensazione di stare per svenire (soprattutto stando in piedi, magari in ambienti caldi e umidi) e sedendosi è stato meglio, la diagnosi più probabile è effettivamente quella di crisi vagale o di ipotensione ortostatica. Ancora più probabile se suo marito ha la pressione bassa, se è alto e se quando si alza bruscamente in piedi sente talvolta una sensazione di vertigine.