Utente 284XXX
Salve,
Sono un ragazzo di 24 anni e ho sempre avuto una vita sessuale abbastanza regolare e serena praticando inoltre quotidianamente o quasi la masturbazione.
In quest'ultimo periodo per sette giorni io e la mia ragazza siamo riusciti a dedicarci più tempo e presi dalla passione in quei giorni abbiamo avuto quotidianamente sei o più rapporti ognuno di essi con il preservativo tranne che per i rapporti orali.
Ma negli ultimi giorni ho iniziato a sentire meno consistenza e quindi volume durante l'erezione ed in qualche episodio ho avuto problemi con la penetrazione,e ho pensato potesse essere "stanchezza".
Andato fuori sede per lavoro a distanza di un giorno,volendo praticare la masturbazione ho notato lo stesso problema anche se raggiungendo l'eiaculazione,e avvertendo dopo un leggerissimo fastidio al testicolo destro,oltre che a notare il glande meno idratato.
Incuriosito dal fatto ho riprovato il giorno dopo riscontrando di nuovo la stessa situazione,e avvertendo sempre quel leggerissimo ma più accentuato fastidio simile ad un bruciore al testicolo destro e bruciore all'interno del glande quasi alla punta(ma il bruciore è interno),il fenomeno è durato un pò più di due ore.
Chiedo a voi esperti se è una cosa momentanea tipo una leggera infiammazione e necessito di riposo sessuale,o potrebbe essere una cosa più seria.
Forse è utile dire che ho avuto un episodio simile tre mesi fa dopo aver avuto molti rapporti con la mia ragazza in due settimane libere come quest'ultima,anche se senza alcun fastidio agli organi genitali e ritrovando la piena erezione già a distanza di un giorno.
Spero possiate rassicurarmi.
Grazie per l'attenzione Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

si tratta probabilmente di un periodo di stress che sta influendo sulla sua erezione e il continuare a mettersi alla prova non facilita la risoluzione, anzi aumenta la sua agitazione e poichè l'altro sintomo sembrerebbe essere da imputare ad una infiammazione, consiglierei un periodo di "riposo" e se le cose continuassero, un consulto specialistico.

Cordialità
[#2] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dottore,
La ringrazio per la risposta e per aver preso in considerazione il mio problema,che può sembrare forse non abbastanza serio.
Come da lei consigliatomi continuerò il mio "riposo",infatti ho sentito per tutto il giorno come un leggero disagio del glande ma senza dolori nell'arco della giornata e nessun bruciore durante e a fine minzione.
Volevo chiederle in questi casi a quale organo è imputabile l'infiammazione,ad esempio prostata o corpi cavernosi.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
potrebbe essere interessato l'epididimo, la prostata, il canale uretrale ecc, comunque stia a riposo per qualche giorno e poi segua i consigli.

Cordialità
[#4] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

come spesso ripeto da questo sito , visti i suoi sintomi complessi e vista la sua "giovane" età, non perda altro tempo prezioso e approfitti di questi "disturbi-malesseri" per conoscere finalmente, se non ancora fatto, il suo andrologo di fiducia.

Impari dalle sue compagne e dalle donne che la circondano che sicuramente, alla sua età, già conoscono il loro o la loro ginecologa.

Un cordiale saluto.
[#5] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per le delucidazioni e gli utili consigli.
La situazione sembra essere migliorata notando al mattino un erezione al risveglio quasi piena.
Ma inizierò a guardarmi intorno per conoscere il mio andrologo e cercherò di non avere apprensioni in quanto non voglio cadere in qualche sorta di blocco psicologico.
Continuerò ancora qualche giorno con il mio riposo.
Grazie ancora. Cordiali saluti
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, fatto il tutto, poi ci riaggiorni, se lo ritiene utile.

Ancora cordiali saluti.
[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
bene, vedo che ha seguito i consigli e già sta meglio, questo è fondamentale anche dal punto di vista psicologico.

Ancora cordialità
[#8] dopo  
Utente 284XXX

Iscritto dal 2013
Gentili dottori,
Nonostante la vostra gentilezza,speravo di non dovermi ritrovare a scrivere quì.
Purtroppo dopo i primi consigli del medico curante,assumendo flomax tre giorni,e dopo sembrare tutto alla normalità per forse quasi un mese,mi ritrovo con lo stesso problema.
A metà gennaio eseguii anche esame dell'urine e del sangue ritrovando solo Monociti più alti al 9% contro il limite di 7.
Avendo avuto una cervicale ultimamente e avendo eseguito 7 giorni di cura con miotens e dicloreum,nel mentre ho trovato del sangue vivo sulla carta igienica,con sensazioni di punture d'ago all'ano.
Sono andato allora di nuovo dal mio medico curante,ho esposto il problema e secondo lui poteva essere un principio di emorroide(ho pensato personalmente che forse il miotens mi avesse rilassato anche lo sfintere,sensazione che proprio provavo a volte),rifacendogli presente il problema erettile e qualche dolore accusato di nuovo.
Mi ha somministrato allora Trimonase 500 mg 1 cmp al mattino e una alla sera per 4 giorni e flebo up sh per 30 giorni per il problema del principio di emorroide,dopo una prima compressa di trimonase,non credo sia stato un fattore psicolgico,ma ho avuto un erezione spontanea e ottima,ho riscontrato una ripresa per un paio di giorni,sono passati 3 giorni che non assumo trimonase ma mi ritrovo al punto di partenza ma con qualche dolore in meno agli inizi di gennaio anche se nessuna erezione spontanea,quasi assente appetito sessuale,difficoltà a mantenere l'erezione totale per più di qualche secondo non appena si sospende l'atto d'eccitazione,erezione massima un pò prima dell'eiaculazione,e bruciore nel glande nel dopo eiaculazione.
L'ultima volta ho tralasciato qualche punto che forse era utile dire:
-Ho riscontrato alcune volte nella mia vita come un dolore meglio definibile un crampo dalla punta del glande all'ano,episodi singoli che si ripetevano ad esempio ogni 6 mesi e mi è risuccesso qualche giorno fà.
-Ho riscontrato nel mio sperma molte volte come una sostanza biancastra gelatinosa
da 18 mesi a questa parte credo.
-Ho assunto negli ultimi due anni praticando Fitness:tribulus terrestris credo un totale di 90 giorni in 2 anni un grammo al giorno con periodi di 45 giorni alla volta 6 giorni su 7,maca peruviano molto meno, oltre che aminoacidi come L-Arginina,creatina,Beta Alanina,BCAA(Valina, Isoleucina e Leucina), e proteine in polvere,l'assunzione di tutti gli integratori l'ho sospesa nel dicembre 2012.
MI sto guardando intorno cercando un andrologo/urologo di fiducia,ma chiedendo a conoscenti e amici ma sentendo cosa è accaduto a loro nella risoluzione dei loro problemi non ho ancora trovato quello che cerco.
Gentili dottori oltre che chiedervi un parere nell'attesa d'andare dal mio medico curante,volevo chiedervi se un qualche integratore come il tribulus terrestris ha potuto creare un IPB,o qualunque altro di essi crearmi un qualsiasi problema da influire sui miei livelli ormonali o organi genitali.
Saluti,grazie.
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
come già le abbiamo consigliato serve una visita specialistica per valutare con la vista se esistono patologie infiammatorie a carico dei suoi genitali e quindi per prescrivere gli esami necessari per un primo inquadramento in ambito sessuale.

Ancora cordialità