Utente 961XXX
salve,
il problema non e' il mio ma del mio compagno. sono sicura del suo desiderio ma anche nei preliminari il suo pene non e' eretto a meno che non venga stimolato. una volta raggiunta lerezione, durante la penetrazione perde la rigidita e il rapporto non si conclude.
potete darmi delle risposte? lui ha 40 anni e mi dice che secondo lui e' psicologico.
cosa posso consigliargli di fare?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Cara Utente,da quanto tempo persiste il disagio sessuale legato alla disfunzione erettile?L'impegno psicologico è sempre presente ma non dimentichiamo che la erezione è il risultato finale di un equilibrio neuro-vasculo-ormonale con riverberi psicologici...Il Suo compagno è in buona salute?fuma?Beve?E'in sovrappeso?E' stato mai visitato da un andrologo?Ci aggiorni in merito.Cordialità.
[#2] dopo  


dal 2013
Gentile dott. Izzo,
intanto grazie per la sua risposta. Sono circa 3 mesi che frequentò il mio compagno ed è sempre stato così, nel senso che il rapporto funziona 2 volte su 4 e anche quelle 2 volte comunque richiedono tempo per arrivare all'eiaculazione. Lui non è assolutamente in sovrappeso ed e'in buona salute. A chi ha problemi neuro vascolo ormonali può capitare di riuscire a mantenere l'erezione solo alcune volte? O non ci riesce mai?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ho ipotizzato che abbia dei problemi neuro-vasculo-ormonali,bensì come una diagnosi di tali compartisia ineludibile,anche se il disagio sessuale continua a mostrarsi saltuario.Se ha difficoltà ad eiaculare,è importante conoscere lo stato della prostata,nonché sapere se assume farmaci.Come vede,considerato come il Vostro rapporto sia abbastanza recente,dubito che possa essere Lei a chiarire il quadro clinico,per cui lo inviterei a consultare un esperto andrologo.Cordialità.