Utente 261XXX
salve
ho 61 anni, tre anni fà ho avuto un infarto nstemi con coronarie libere.

Non riesco ha tollerare nessun tipo di antiaggregante (cardioaspirina, plavix, tiklid etc, li ho provati tutti ) mi causato una gastrite erosiva con polipi che non regredisce con nessun tipo di gastroprotettore (omeprazolo e simili, riopan, etc). Sto meglio solo quando non prendo gli antiaggreganti. Ultimamente il cardiologo mi ha detto di prendere il ginkobiloba titolato al 24%, vorrei sapere se veramente ha un qualche effetto antiaggregante . ora lo sto provando, ma già ho dei dolori alllo stomaco. possibile che anche il ginko biloba sia gastrolesivo?
Sto così male , vi prego di darmi una risposta
ringrazio in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

premesso che è bene che riferisca i sintomi al suo curante per ascoltarne le indicazioni, lei parla di preparazione titolata al 24% e questo mi fa pensare che lei stia assumendo una soluzione alcoolica.
Se lei conferma il mio sospetto e le gocce sono numerose forse questo elemento potrebbe comportarle una forma di irritazione alla mucosa dello stomaco...; il gingko biloba come tale non è un principio attivo irritante.
In farmacia si trovano preparazioni in capsule e compresse con le quali può eventualmente aggirare l'ostacolo; in seconda ipotesi potrebbe associare una terapia di protezione per lo stomaco a base di medicinali omeopatici-omotossicologici privi di effetti spiacevoli sulla mucosa gastrica.

Cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 261XXX

Iscritto dal 2012
Egr. dott
grazie per la risposta, io prendo come gastroprotettore pantorc 40 al mattino, pantorc 20 prima di cena e 6 riopan bustine( 2 a meta mattina, 2 il pomeriggio , e 2 prima di coricarmi .Prendo anche 1/2 pasticca di valtrax ( isopropamide ioduro e diazepam)a pranzo ,cena e colazione), in effetti potrebbero essere troppe o lesive.
Vorrei sostituire in parte o del tutto la terapia attuale con una terapia di protezione per lo stomaco a base di medicinali omeopatici-omotossicologici , ma non so achi rivolgermi.potrebbe aiutarmi?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

chiarita la forma farmceutica del gingko biloba (non lo deve assumere in veicolo alcoolico) consiglierei di provare un' eventuale terapia integrata per la sua gastrite in un momento di miglioramento del quadro clinico; tutti i medicinali che lei assume sono evidentemente giustificati dalla gravità del quadro erosivo e la loro riduzione/sostituzione deve essere valutata con estrema cautela.
In ogni caso si rivolga ad un collega di grande esperienza che potrà consigliarla su eventuali integrazioni possibili.

Cordialmente.