Utente 279XXX
Egregi Dottori, ho effettuato una visita da un medico estetico per un problema di celluite a gambe e braccia e mi ha consigliato di fare la cavitazione abbinata a pressoterapia.
Ho un dubbio riguardo ai costi, il medico mi ha detto che ogni seduta cosa 120 euro,
e che solitamente ne servono 10 per ottenere buoni risultati, e che quindi la spesa complessiva sarebbe di 1200 euro.
Poi però mi ha spiegato che in una seduta può trattare solo una piccola area, quindi non capisco se questo discorso è già compreso nel numero delle sedute, o se occorre fare più sedute.
Cordiali saluti
[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Gent. utente,

i dubbi sui costi non possono essere chiariti, in quanto ogni professionista ha la libertà di quantificare il proprio operato in base a fattori diversi...Può, tuttavia, sciogliere ogno riserva ponendo direttamente la domanda al Medico interessato.

Da parte mia, invece, emerge un dubbio maggiore!!!

Se Le è stata fatta diagnosi di cellulite (Pefs = pannicolopatia edemato-fibro sclerotica...per essere chiari!), pur omettendo la stadiazione, come mai è stata proposta la metodica cavitazionale (spero quella Medica!!!)...utilizzata per ridurre le Adiposità Localizzate??!!


Cordiali saluti

[#2] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
Egregio Dott. Macrolongo, mi sono state date due opzioni la cavitazione o la mesoterapia, ma secondo il Dottore nel mio caso, avendo un problema di lieve entità è meglio fare la cavitazione e nel qual caso non dia risultati dopo qualche seduta passare alla mesoterapia.
Per quanto riguarda il tipo di cavitazione non è stato specificato, mi è solo stato detto che si può fare con o senza iniezioni di fisiologica.
Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

non condivido assolutamente le due opzioni...per lo stesso inestetismo!!!

Per chiarirlo con un esempio, è come voler trattare la febbre con l'antipiretico (terapia corretta) o, in alternativa, con l'antinfiammatorio (terapia inusuale).

Infatti, la Mesoterapia è una metodica terapeutica che consiste nell’iniezione di piccolissime quantità di farmaco della Farmacopea Ufficiale o di sostanze omeopatiche o di sostanze omotossicologiche nel derma di un’area topografica ben definita corrispondente alla proiezione cutanea di un organo o parte d’organo che è sede di un processo patologico.
E’ un atto medico che presuppone una diagnosi e l’identificazione del o dei farmaci/sostanze da utilizzare.

Il protocollo prevede almeno 10 sedute a cadenza settimanale (almeno le prime 6) ed un periodo di mantenimento da stabilire in base ai risultati ottenuti.

E' consigliabile sempre eseguire, prudentemente, un test allergologico (da effettuare, soprattutto se vengono utilizzati farmaci, sull'avanbraccio della paziente prima di iniziare il ciclo teraputico!) e sconsigliare nelle successive 12-24 ore successive ad ogni seduta l'applicazione di creme sulle parti trattate, l'esposizione a raggi UV (sole e lampade) in presenza di ecchimosi e/o ematomi, l'esecuzione di saune, massaggi, trattamenti con elettromedicali (cavitazione compresa!!) ed attività sportiva.

La metodica mesoterapica è molto valida nel trattamento delle Pannicolopatie (cellulite).

Per ulteriori informazioni su questa metodica

http://www.medicitalia.it/minforma/medicina-estetica/350-mesoterapia.html


La Cavitazione Medica, invece, è una metodica basata sull'emissione di ultrasuoni a bassa frequenza che convergendo sulle aree da trattare provocano un' implosione degli adipociti e conseguente riduzione delle adiposità localizzate.

Spesso, per accentuare questo effetto, le aree vengono "infiltrate" con soluzione fisiologica e così preparate potranno essere trattate col manipolo erogatore.

Nei giorni successivi e a domicilio, la paziente farà attenzione a seguire terapia idropinica ed un regime dietetico lievemente iperproteico-normoglicidico-ipolipidico; mentre a distanza di una settimana dovrà sottoporsi ad un linfodrenaggio manuale.

Le sedute, solitamente, avranno cadenza bi-settimanale.

Per entrambe le metodiche è previsto, oltre ad una esauriente informazione verbale dovuta alla paziente, la sottoscrizione di un consenso informato redatto in duplice copia che illustri chiaramente e dettagliatamente le metodiche specifiche, le indicazioni, le sostanze utilizzate ed i possibili effetti collaterali.


Per quanto sopra, si renderà conto che le due metodiche devono essere ben valutate dopo attenta visita medico-estetica (anamnesi, esame obiettivo, ecografia cutanea, ....) e corretta diagnosi dell'inestetismo da trattare.

Mentre mi sembra di aver capito
"...secondo il Dottore nel mio caso, avendo un problema di lieve entità è meglio fare la cavitazione e nel qual caso non dia risultati dopo qualche seduta passare alla mesoterapia."
Il che si potrebbe interpretare come il voler procedere per tentativi...
Un pò come indovinare un terno al lotto! (^___^)


Spero di aver soddisfatto le Sue richieste e nel contempo aver fatto un minimo di chiarezza.


Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 279XXX

Iscritto dal 2012
La ringrazio molto per la sua esauriente risposta, pur non avendo competenze mediche mi è sembrato strano che la visita consistesse semplicemente nel pizzicare la pelle ma più di tutto sono rimasta perplessa dalla segretaria che mi ha fatto firmare dei fogli ancor prima di fare la visita.
Penso che a questo punto contatterò un altro medico nella mia zona, sperando che faccia un esame più approfondito prima di consigliarmi una terapia.
Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Di nulla!


Cari auguri.