Utente 198XXX
Gentili dottori
sono un ragazzo di 20 anni e vivo con il disagio dell'alitosi. Ho fatto chiaramente delle ricerche su internet ma non ho trovato nulla che possa essermi utile a risolvere il problema (sempre se sia risolvibile, e lo chiedo a voi!). Ammetto di non essere andato dal medico di base a confrontarmi su questo problema: so che me lo consiglierete e lo farà. Prima però vorrei sentire il vostro parere. Ho effettuato anche da poco un controllo odontoiatrico e come sempre il medico ha riscontrato solo un po' di tartaro (che ha rimosso) e nulla di più ripetendomi lo stato di salute della dentatura e delle gengive ma rimproverandomi per mordermi la parte interna delle labbra (tengo a precisare che invece l'ortodonzista mi ha diagnosticato mal occlusione dentaria e bruxismo). Lavo i denti al mattino, dopo i pasti e prima di andare a dormire, pulendo anche la lingua e usando un collutorio contenete alcol: ammetto di non usare regolarmente il filo interdentale. Non fumo, sono astemio e faccio regolare attività fisica. Mangio costantemente molta verdura cruda e frutta, l'alimentazione è sempre varia ed equilibrata e credo di consumare al giorno circa 2 litri d'acqua. Per questi motivi non riesco a trovare un'abitudine da modificare o eliminare al fine di risolvere il mio problema. Da quali altri aspetti potrebbe essere causato? Attendo una vostra risposta e soprattutto dei consigli su come agire di conseguenza.
Vi ringrazio in anticipo e vi porgo i miei saluti..

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo De Carli
28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Gentile Paziente,

quasi sempre le cause dell'alitosi sono da ricercarsi in una non corretta igiene orale che nel suo caso sembrerebbe buona. E' necessario però un utilizzo quotidiano del filo interdentale per rimuovere la placca batterica anche nelle aree "difficili".

E' di competenza dell'Odontoiatra indagare con una accurata visita clinica che non sussistano altre cause attribuibili alla bocca, per esempio carie "nascoste" tra gli spazi interdentali o tasche parodontali (piorrea) che vanno ricercate con un delicato sondaggio su sei punti su ciascun dente e con l'aiuto, se necessario, di radiografie endorali.

Se questa visita dovesse dare esito negativo, dovrà allora rivolgersi ad un Clinico Medico Internista o ad un Gastroenterologo e ad un Otorino perchè tra le malattie sistemiche che danno alitosi ci sono in particolare quelle dell'intestino, dell'apparato gastro enterico, del fegato, dei seni paranasali e dei polmoni.

Cordialmente

[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
Ringrazio della risposta.
Deduco dal Suo messaggio che recarmi dal medico di base sia pressocché inutile, mentre sarebbe necessaria in primo luogo una visita a carico dell'odontoiatra. Spero di risolvere questo problema e soprattutto spero non dipenda da qualche patologia sistemica!
Saluti!