Utente 375XXX
Quali infezioni si possono contrarre con un rapporto anale non protetto(entrambi i partner sani)?

E con un rapporto anale seguito da un rapporto vaginale entrambi non protetti?

Come si può fare un clistere ai soli fini igienici di pulizia della zona prima di un rapporto anale(non lassativo...)?solo con acqua?non ne ho mai fatto uno e non saprei come fare!

I preservativi normali vanno bene pre il sesso anale o sono necessari quelli appositi perchè si rompono?

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

La sua domanda ha un vizio di forma:

Se un soggetto è sano, per ASSIOMA, non può trasmettere prorio un bel nulla.

quindi cerco di rispondere come se la parentesi che ha immesso non esistesse:

le faccio un breve elenco delle Malattie sessualmente trasmissibili con un rapporto anale non protetto:

1) CONDILOMATOSI GENITALE (MALATTIA DA HPV)

2) SIFILIDE

3) HIV/AIDS

4) EPATITE B e C

5) GONORREA

6) PATOLOGIE BATTERICO - MICOTICHE

7) ALTRE URETRITI ED ANITI NON GONOCOCCICHE

8) MALATTIA DA POX VIRIDAE (MOLLUSCHI CONTAGIOSI)

9) ULCERA VENEREA MOLLE (HAEMOPHILUS DUCRAY)

10) PAPULOSI BOWENOIDE

e mi fermo solo al decalogo delle patologie possibili (ve ne sono molte altre)

nessun lavaggio può impedire l'infezione.

il dispositivo profilattico (qualsiasi) è FONDAMENTALE ma ricordo non essere completamente protettivo per talune patologie (come Sifilide, Condilomatosi e Molluschi, lesioni che possono essere localizzate nelle zone pre-orifiziali e quindi non coperte dal dispositivo).

Le consiglio di effettuare la sua prima visita Venereologica (con l'esperto di malattie sessualmente trasmissibili) al fine di avere un quadro completo e sereno della sua vita sessuale e di scegliere quindi consapevolmente.

cari saluti

[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2007
La ringrazio per la risposta tempestiva,ma io non mi riferivo a questo tipo di infezioni...intendevo quali conseguenze ha un rapporto non protetto anale cn conseguente penetrazione vaginale....in quanto il pene è stato in contatto con batteri nell'ano(quindi sono stati trasmessi al mio partner) e poi il pene è stato in contatto con la vagina( e i batteri sono stati trasmessi alla vagina).
quindi la problematica è che tipo di reazione possono provocare i batteri presenti nella zona anale se in contatto con pene e vagina...
mi scuso se non mi sono spiegata...

il problema del preservativo era puramente riferito alla sua "resistenza" in quanto la penetrazione anale ha più atrito e non so se i preservativi qualsiasi possono andare bene o servono quelli appositi che sono più spessi....
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente si possono avere vaginiti(infiammazione della mucosa della vagina), per la contaminazione di germi normalmente non presenti in tale sede(esempio enterococcus faecalis)e conseguenti vaginosi batterico e/o micotiche per il dismicrobismo che si viene a creare.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Consideri quindi il punto 6 del decalogo suscrittole.

cari saluti