Utente 223XXX
Buongiorno. Descrivo il caso di mio padre: lo scorso mese è stato ricoverato per un principio di infarto, ha subito un angioplastica durante la quale hanno evidenziato la necessità di un intervento di bypass per un arteria calcificata da tempo. è tuttora in lista d'attesa presso l'ospedale Gemelli. Mio padre ha 53 anni, è un fumatore, in sovrappeso, ha subito un intervento anni fa per un emoraggia cerebrale e per un adenoma all'iposifi. Mi chiedo come funzionerà il suo ricovero, di quante fasi è composto, che durata avrà il ricovero stesso e la riabilitazione, quali sono i rischi, se è un ricovero a pagamento.. ovviamente le risposte che cerco sono sempre approssimative perchè immagino che dipende dal caso. Vi ringrazio in anticipo per l'interessamento.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
101860

Cancellato nel 2013
L'intervento di bypass è una operazione di routine in cardiochirurgia, gravata da un rischio operatorio in genere non alto, variabile però a seconda delle condizioni generali del paziente e della sua funzione cardiaca. Il decorso prevede 1-2 giorni in terapia intensiva (salvo complicanze), una settimana in reparto e circa 20 giorni di riabilitazione fisioterapica. È bene però che lei abbia un colloquio chiarificatore con il cardiochirurgo che opererà suo padre.
Cordiali saluti