Utente 294XXX

Buonasera a tutti i medici presenti.mia nonna é portatrice di pacemaker bicamerale da un anno e mezzo e naturalmente é soggetta a visite periodiche di controllo per verificare il giusto funzionamento del pmk. All ultimo controllo i medici hanno detto che procede bene ma che ha un ritmo elevato e quindi di dare supporto alla terapia farmacologica per via del ritmo accelerato ossia 100 120 bpm. La terapia é la seguente : bisoprololo 2,5 mg due volte al di e almpidina 5 mg la sera. Cosa dovrà aumentare? C é da preoccuparsi?grazie infinite

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il pace maker serve a "regolare il minimo" del motore cuore.
Pertanto se il paziente ha una frequenza cardiaca elevarta, questa va ridotta con farmaci. Il dosaggio del bisoprololo che lei riporta mi pare gia' ai limiti alti per una persona anziana e pertanto o verra' cambiato questo farmaco con altri oppure verra' aggiunto un altro farmaco. L'amlodipina ha un effetto indiretto tachicardizzante.
Arrivederci
cecchini