Utente 224XXX
SALVE sono un pz diabetico nid da circa 15 anni ho altre patologie . IPERTENZIONE arteriosa pregressa gastrite emorragica sdr del colon irritabile ipb discopatie l3 l5 s 1 etcc stato ansioso HO da circa 4 anni una polineuropatia diabetica arti inferiori simmetrica distale prevalentemente sensitiva assonale in trattamento farmacologico con BRANIGEN 500 MATTINA E SERA consigliatami dal neurologo dopo esame emg DOVENDO subire fra qualche mese un intervento chirurgico di turp per resezione prostatica ed calcolosi vescicale in anestesia spinale VOLEVO chiedere se la polineuropatia arti inf potrebbe interferire con la anestesia spinale è un mio dubbio poichè il chirugo urologo mi ha detto di completare gli esami diabetolocici ed neurologici e poi farmi risentire per programmare il tutto io in verita non ho chiesto nulla pero mi è sorto questo pensiero per questo mi sono permesso di chiedere un consiglio ai signori medici di medicitalia scusatemi sono un poco preoccupato non ho mai subito interventi in anestesia spinale solo una volta circa 10 anni fa in anestesia totale per intervento poliposi corde vocali tutto ok VIRINGRAZIO anticipatamente CORDIALI SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buongiorno, pur non essendoci una controindicazione assoluta tuttavia la presenza di una polineuropatia diabetica accertata con un danno prevalentemente sensitivo, potrebbe far propendere al collega anestesista la possibilità di effettuare l'intervento con una narcosi profonda. Si tratta di una anestesia generale che però potrebbe non prevedere l'intubazione ma l'assistenza del respiro con il posizionamento di un presidio meno invasivo come la maschera laringea.
E' una buona alternativa, in considerazione soprattutto di un intervento tutto sommato di breve durata. Lei ha parlato di una spinale ma probabilmente è col solo chirurgo che ha dialogato. Ma è l'anestesista che, informandola adeguatamente, decide la tipologia di tecnica anestesiologica più adatta al paziente e alle sue problematiche. Bene fa a concludere le indagini diabetologiche e neurologiche. Indicata anche una consulenza di un cardiologo. Dopodiché effettuerà la visita anestesiologica e lì sarà cura del collega , dopo la valutazione di tutti gli esami e le consulenze, scegliere e concordare con lei la strada migliore. Sicuramente il dato importante è sapere che c'è una valida alternativa alla possibilità di eseguire l'anestesia spinale.
Cordialità
[#2] dopo  
Utente 224XXX

Iscritto dal 2011
GENTILE DOTTORE la ringrazio moltissimo del suo prezioso consiglio appena concludero gli esami prescrittomi dovro recarmi dal urologo e poi concordare per il ricovero in ospedale e sicuramente dovro come di consuetudine fare la visita anestesiologica e poi dovranno decidere per la anestesia da effettuare DI NUOVO grazie cordiali saluti