Utente 286XXX
Buonasera,
durante il periodo di natale mio nonno, di 84 anni, si sentiva affaticato e col fiatone dopo anche piccoli sforzi. Dato che va a caccia, è apicoltore, ha un orto e non sta mai fermo la cosa lo ha preoccupato, ed è andato dal suo medico di base, che gli ha diagnosticato uno scompenso cardiaco e del liquido nei polmoni.
Mio nonno non voleva andare in ospedale, il dottore gli ha prescritto diuretici, cerotti di nitroglicerina ed altre medicine che hanno funzionato, poichè il cuore ora è tornato a funzionare normalmente, ma il versamento è rimasto, cosa che ha spinto il dottore a fare un'ecografia ed una radiografia, da cui è emerso che il liquido era molto, c'erano delle "formazioni fibrose" ed aveva spostato il cuore, per cui nonno è stato ricoverato.
In ospedale hanno eseguito una TAC completa dalla quale non è stato evidenziato nulla all'infuori di questo versamento molto importante, che ieri hanno cominciato a drenare.
Il liquido è rosso molto scuro, quasi nero, e da ieri pomeriggio ne sono stati drenati sembra più di due litri. Questa notte non è riuscito a dormire, ed ha avuto difficoltà a respirare (gli hanno interrotto il drenaggio -ripreso stamattina per qualche ora- e fatto un prelievo ed una radiografia), mentre stamattina aveva del sangue nelle urine (che sono state fatte analizzare, i risultati arriveranno nei prossimi giorni così come per l'analisi del liquido).
Lui si sente bene, da quando è in ospedale la tosse secca che aveva da qualche mese (e che lui attribuiva ad un "difetto della gola" dovuto a non so che operazione fatta da giovane) è sparita, non ha mai avuto febbre, non si è mai sentito male (tranne ora per il drenaggio), l'unica cosa è che ha perso un po' di peso (era ed è normopeso comunque).
I medici dell'ospedale non si sono ancora sbilanciati in nessun modo, mentre per il medico di base del nonno e per il nostro, e per alcuni medici che conosciamo l'ipotesi più probabile è quella di un tumore. Il fatto che la tac non abbia evidenziato nulla oltre al versamento può voler dire che non ci sono masse, o solo che il liquido le copriva? E soprattutto potrebbe essere qualcos'altro?

Grazie a chiunque legga e risponda.
[#1] dopo  
Dr. Marco Blandamura
24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2013
Gentile Utente,

se la TAC non ha evidenziato nulla sono portato a fidarmi del giudizio dei colleghi radiologi, e a pensare che l'unica patologia del Signore sia il versamento.
Riguardo quello la terapia che state eseguendo è assolutamente corretta: se il cuore è in buone condizioni e sopporta lo stress di una terapia così fastidiosa, credo che in un paio di mesi si potrà assistere a una ripresa.
Raccomando comunque di non " abbassare la guardia", una volta dimesso dalla struttura ospedaliera, e di sottoporsi ad analisi preventive due-tre volte l'anno.


Cordiali saluti,
[#2] dopo  
Utente 286XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta, purtroppo si è arrivati alla diagnosi di mesotelioma pleurico, 2 cm x 1,5 circa.
Mio nonno è stato dimesso ormai una settimana e mezzo fa, sta bene (tosse molto rara, nessuna sensazione di stanchezza o di affanno). Abbiamo avuto un colloquio con un'oncologa del Bellaria che dopo una valutazione del nonno ha deciso di provare un ciclo di chemioterapia, per la quale verrà ricoverato a breve, lo terranno tre giorni, il primo per fare alcuni esami e per parlarne più approfonditamente, il secondo per la chemioterapia vera e propria -non sappiamo ancora con che farmaci infatti- ed il terzo di controllo, per valutare gli effetti collaterali. Gli hanno già fatto un'iniezione di folato da ripetere ogni 9 settimane e sta prendendo pastiglie di folina, una al giorno).