Utente 286XXX
Gentilissimi dottori, vorrei porvi il mio problema: tutto è iniziato all'inizio dello scorso dicembre dove, durante una manifestazione sono stata sotto la pioggia per ore e il giorno dopo ho avuto 38.0 di febbre. Ho continuato ad avere un po' di febbre per due giorni, nei quali ho continuato ad andare a scuola ed uscire, ma poi tutto è passato. Premetto che sono una ragazza di 18 anni, non ho più nè tonsille nè adenoidi. L'11 dicembre mi sono svegliata con un dolore ascellare e palpandomi mi sono resa conto di avere un linfonodo gonfio, dolorante e mobile, così ho avvertito il medico di base che mi ha prescritto una settimana di antibiotici e un integratore a base di ananas. Anche nell'altra ascella c'era un linfonodo. Durante gli antibiotici mi sentivo meglio e i linfonodi si sgonfiavano un po'. Finiti gli antibiotici, dopo due giorni ho cominciato a presentare una febbricola da 37.1 a 37.5 massimo, prevalentemente la sera, così il medico di base mi prescrive il deflan da 30 mg e le analisi del sangue con emocromo, monotest e analisi del fegato, milza etc. Insomma tutti i valori nella norma e monotest negativo, il medico di base sbigottito mi dice di prendere il cortisone per altri 3 giorni. La febbre a 37.1/37.2 persisteva ma finito il cortisone anche la febbre era finita così dopo due giorni ricomincio a fare attività fisica e la sera ritorna la febbre, i linfonodi sul collo e sulle clavicole sono gonfi e il medico mi prescrive ancora una scatola di antibiotici che ora sto prendendo e un aiuto immunitario (un integratore) e secondo lui è citomegalovirus...io non ce la faccio più ho lo stomaco a pezzi, la febbre persistente sia mattina che sera e questa stanchezza infinita per non parlare del fastidio che procurano i linfonodi gonfi. Se non vi dispiace quindi vorrei avere qualche altro parere..
Grazie in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gent. utente,

è molto probabile che gli esami effettuati durante o subito dopo il primo ciclo di terapia possano aver condizionato (in negativo!) qualche risultato.

Se al termine di questo nuovo ciclo dovessero ripresentarsi gli stessi sintomi...sarebbe opportuno ripetere, a 360°, un controllo generale.


Se vuole ci aggiorni pure.


Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 286XXX

Iscritto dal 2013
Il mio medico di base mi ha prescritto le analisi per tiroide e citomegalovirus...non so più che fare... Sono preoccupatissima e soffro d'ansia... Potrebbe essere qualcosa di grave?
Grazie per la risposta e per l'attenzione
[#3] dopo  
Dr. Serafino Pietro Marcolongo
56% attività
20% attualità
20% socialità
SALERNO (SA)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2009
Gli esami prescritti dal Curante mi sembrano già ragionevoli per iniziare a fare un minimo di chiarezza.

Intanto cerchi di conservare la Sua serenità!


Cordialmente.